Citrix Virtual Apps and Desktops

App-V

Utilizzare App-V con Citrix Virtual Apps and Desktops

Microsoft Application Virtualization (App-V) consente di distribuire, aggiornare e supportare le applicazioni come servizi. Gli utenti accedono alle applicazioni senza installarle sui propri dispositivi. App-V e Microsoft User State Virtualization (USV) consentono l’accesso ad applicazioni e dati, indipendentemente dalla posizione e dalla connessione a Internet. Nella tabella seguente sono elencate le versioni supportate.

App-V Delivery Controller di Citrix Virtual Apps and Desktops VDA di Citrix Virtual Apps and Desktops
5.0 e 5.0 SP1 XenDesktop da 7 a corrente, XenApp da 7.5 a corrente da 7.0 a corrente
5.0 SP2 XenDesktop da 7 a corrente, XenApp da 7.5 a corrente da 7.1 a corrente
5.0 SP3 e 5.1 XenDesktop da 7.6 a corrente, XenApp da 7.6 a corrente da 7.6.300 a corrente
App-V in Windows Server 2016 XenDesktop da 7.12 a corrente, XenApp da 7.12 a corrente da 7.12 a corrente

Il client App-V non supporta l’accesso offline alle applicazioni. Il supporto per l’integrazione di App-V include l’utilizzo di condivisioni SMB per le applicazioni. Il protocollo HTTP non è supportato. Se non si ha familiarità con App-V, consultare la documentazione di Microsoft. Ecco un riepilogo dei componenti di App-V citati in questo articolo:

  • Server di gestione. Fornisce una console centralizzata per la gestione dell’infrastruttura di App-V e fornisce applicazioni virtuali sia al client desktop App-V che a un client di Servizi Desktop remoto. Il server di gestione di App-V autentica, richiede e fornisce la sicurezza, la misurazione, il monitoraggio e la raccolta dei dati richiesti dall’amministratore. Il server utilizza Active Directory e strumenti di supporto per gestire utenti e applicazioni.
  • Server di pubblicazione. Fornisce ai client App-V applicazioni per utenti specifici e ospita il pacchetto di applicazioni virtuali per lo streaming. Recupera i pacchetti dal server di gestione.
  • Client. Recupera le applicazioni virtuali, pubblica le applicazioni sul client e configura e gestisce automaticamente gli ambienti virtuali in fase di runtime sui dispositivi Windows. Si installa il client App-V sul VDA, dove memorizza le impostazioni dell’applicazione virtuale specifiche dell’utente, ad esempio le modifiche del Registro di sistema e dei file nel profilo di ogni utente.

Le applicazioni sono disponibili senza soluzione di continuità senza dover effettuare una preconfigurazione né apportare modifiche alle impostazioni del sistema operativo. È possibile avviare le applicazioni App-V dai gruppi di consegna del sistema operativo server e del sistema operativo desktop:

  • tramite l’app Citrix Workspace;
  • tramite il client App-V e l’app Citrix Workspace;
  • contemporaneamente da più utenti su più dispositivi;
  • tramite Citrix StoreFront.

Le proprietà dell’applicazione App-V modificate vengono implementate all’avvio dell’applicazione. Ad esempio, per le applicazioni con un nome visualizzato modificato o un’icona personalizzata, la modifica viene visualizzata quando gli utenti avviano l’applicazione. Le personalizzazioni dell’applicazione salvate nei file di configurazione dinamici vengono applicate anche all’avvio dell’applicazione.

Metodi di gestione

È possibile utilizzare i pacchetti App-V e i file di configurazione dinamici creati con il sequencer App-V e quindi posizionati sui server App-V o le condivisioni di rete.

  • Server App-V: l’utilizzo di applicazioni provenienti da pacchetti su server App-V richiede una comunicazione continua tra i server di Studio e App-V per l’individuazione, la configurazione e il download sui VDA. Ciò comporta costi in termini di hardware, infrastruttura e amministrazione. I server di Studio e di App-V devono rimanere sincronizzati, in particolare per le autorizzazioni utente.

    Questo è chiamato metodo di gestione dual admin perché il pacchetto App-V e l’accesso alle applicazioni richiede sia le console del server di Studio che le console del server di App-V. Questo metodo funziona meglio nelle distribuzioni App-V e Citrix strettamente associate. In questo metodo, il server di gestione gestisce i file di configurazione dinamici. Quando si utilizza il metodo di gestione dual admin, i componenti Citrix di App-V gestiscono la registrazione del server di pubblicazione appropriato necessario per l’avvio di un’applicazione. Ciò garantisce che il server di pubblicazione sia sincronizzato per l’utente al momento appropriato. Il server di pubblicazione mantiene altri aspetti del ciclo di vita del pacchetto (ad esempio l’aggiornamento al momento dell’accesso e i gruppi di connessione) utilizzando le impostazioni con cui è configurato.

  • Condivisione di rete: i pacchetti e i file di configurazione della distribuzione XML inseriti in una condivisione di rete rimuovono la dipendenza di Studio dal server App-V e dall’infrastruttura del database, riducendo i costi aggiuntivi. È necessario installare il client Microsoft App-V su ciascun VDA.

    Questo è il cosiddetto metodo di gestione single admin perché l’uso del pacchetto App-V e dell’applicazione richiede solo la console Studio. Passare alla condivisione di rete e aggiungere uno o più pacchetti App-V da quel percorso alla libreria di applicazioni a livello di sito [1]. In questo metodo, i componenti Citrix App-V elaborano i file di configurazione di distribuzione quando l’applicazione viene avviata (i file di configurazione utente non sono supportati). Quando si utilizza il metodo di gestione single admin, i componenti Citrix di App-V gestiscono tutti gli aspetti del ciclo di vita del pacchetto sulla macchina host. I pacchetti vengono aggiunti alla macchina all’avvio del broker o quando viene rilevata una modifica della configurazione (che può avvenire anche al momento dell’avvio della sessione). I pacchetti vengono pubblicati per la prima volta ai singoli utenti su richiesta “appena in tempo” quando viene ricevuta una richiesta di avvio dall’app Citrix Workspace.

    La gestione Single Admin gestisce anche il ciclo di vita dei gruppi di connessione necessari per soddisfare le definizioni di configurazione del gruppo di isolamento create in Studio.

    [1] Application Library è un termine Citrix che si riferisce a un repository di memorizzazione nella cache che contiene informazioni sui pacchetti App-V. La Application Library memorizza anche informazioni su altre tecnologie di distribuzione delle applicazioni Citrix.

In entrambi i metodi di gestione, se il VDA è configurato per eliminare i dati utente, la pubblicazione (o la sincronizzazione) deve essere rieseguita al successivo avvio della sessione.

È possibile utilizzare uno o entrambi i metodi di gestione contemporaneamente. In altre parole, quando si aggiungono applicazioni ai gruppi di consegna, le applicazioni possono provenire da pacchetti App-V situati su server App-V o su una condivisione di rete.

Nota:

Se si utilizzano entrambi i metodi di gestione contemporaneamente e il pacchetto App-V dispone di un file di configurazione dinamico in entrambe le posizioni, viene utilizzato il file che si trova nel server App-V (gestione doppia).

Quando si seleziona Configurazione > App-V Publishing (Pubblicazione App-V) nel riquadro di navigazione di Studio, vengono visualizzati i nomi e le origini dei pacchetti App-V. La colonna di origine indica se i pacchetti si trovano sul server App-V o sono memorizzati nella cache nella Application Library. Quando si seleziona un pacchetto, il riquadro dei dettagli elenca le applicazioni e i collegamenti contenuti nel pacchetto.

File di configurazione dinamici

Panoramica

I pacchetti App-V possono essere personalizzati utilizzando file di configurazione dinamici, che, se applicati al pacchetto, possono essere utilizzati per modificarne le caratteristiche. Ad esempio, è possibile utilizzarli per definire collegamenti e comportamenti aggiuntivi per le applicazioni. Citrix App-V supporta entrambi i tipi di file di configurazione dinamica. Le impostazioni dei file vengono applicate all’avvio dell’applicazione:

  • I file di configurazione della distribuzione forniscono una configurazione a livello di macchina per tutti gli utenti. Questi file devono essere denominati <packageFileName>_DeploymentConfig.xml e si trovano nella stessa cartella del pacchetto App-V a cui si riferiscono. Supportato da una gestione single e dual admin.
  • I file di configurazione utente forniscono una configurazione specifica dell’utente che supporta le personalizzazioni per utente del pacchetto. Single Admin supporta i file di configurazione utente denominati nel seguente formato: <packageFileName>_[UserSID | Username | GroupSID |GroupName_]UserConfig.xml che si trovano nella stessa cartella del pacchetto App-V a cui si applicano.

Quando esistono più file di configurazione utente per un particolare pacchetto, questi vengono applicati nel seguente ordine di priorità:

  1. SID utente
  2. Nome utente
  3. SID gruppo AD (priorità al primo trovato)
  4. Nome gruppo AD (priorità al primo trovato)
  5. Predefinito

Ad esempio

MyAppVPackage_S-1-5-21-000000001-0000000001-000000001-001_UserConfig.xml
MyAppVPackage_joeblogs_UserConfig.xml
MyAppVPackage_S-1-5-32-547_UserConfig.xml
MyAppVPackage_Power Users_UserConfig.xml
MyAppVPackage_UserConfig.xml

Nota:

La parte specifica dell’utente del nome del file può anche comparire facoltativamente alla fine (ad esempio MyAppVPackage_UserConfig_joeblogs.xml).

Posizione del file di configurazione dinamica

Nella gestione single admin, i componenti Citrix di App-V elaborano solo i file di configurazione dinamici che si trovano nella stessa cartella del loro pacchetto App-V. Quando le applicazioni del pacchetto vengono avviate, tutte le modifiche apportate ai file di configurazione dinamica corrispondenti vengono riapplicate. Se i file di configurazione dinamici si trovano in una posizione diversa rispetto ai pacchetti, utilizzare un file di mappatura per mappare i pacchetti ai file di configurazione della distribuzione.

Per creare un file di mappatura

  1. Aprire un nuovo file di testo.
  2. Per ogni file di configurazione dinamica, aggiungere una riga che specifica il percorso del pacchetto utilizzando il formato <PackageGuid> : percorso.

    Ad esempio:

    F1f4fd78ef044176aad9082073a0c780 : c:\widows\file\packagedeploy.xml

  3. Salvare il file con il nome ctxAppVDynamicConfigurations.cfg nella stessa cartella del pacchetto. Ogni volta che viene avviata un’applicazione nel pacchetto, questo file viene cercato in modo ricorsivo verso l’alto nell’intera gerarchia di directory presente sulla stessa condivisione UNC del pacchetto App-V.

Nota:

Non è possibile applicare modifiche alla configurazione di distribuzione dinamica quando sono presenti sessioni utente con un’applicazione del pacchetto aperta. È possibile applicare modifiche ai file di configurazione utente dinamici se altri utenti ma non l’utente corrente hanno un’applicazione del pacchetto aperta.

Configurazione di IIS per l’uso di file di configurazione dinamici

I componenti Citrix App-V presenti sul VDA possono utilizzare i file di configurazione della distribuzione App-V e i file di configurazione utente posizionati accanto al pacchetto, in base alle stesse regole utilizzate dai pacchetti ospitati UNC. Per fare ciò, i componenti VDA necessitano dell’autorizzazione per sfogliare la struttura di directory IIS per determinare quale file utilizzare. A differenza dei pacchetti ospitati UNC, il VDA deve prima scaricare i file di configurazione dal server in una posizione temporanea sul computer host prima che questi possano essere utilizzati nella pubblicazione. Si tratta di una funzionalità facoltativa e, se l’esplorazione della directory non è abilitata, i file di configurazione dinamici vengono ignorati.

Per abilitare l’esplorazione delle directory per il sito, attenersi alla seguente procedura:

  1. Nella console Gestione IIS, selezionare il nodo del sito Web e fare doppio clic su Esplorazione directory nel riquadro centrale.
  2. Fare clic su Abilita nel riquadro di destra e selezionare Ora, Dimensione, Estensione e Data (non selezionare Data lunga). Ciò consente ai componenti Citrix di App-V presenti sul VDA di stabilire se hanno le versioni più recenti dei file di configurazione applicate o se devono essere aggiornati.

Gruppi di isolamento

Quando si utilizza il metodo single admin di App-V, la creazione di gruppi di isolamento consente di specificare gruppi interdipendenti di applicazioni che devono essere eseguite nella sandbox. Questa funzione è simile, ma non identica, ai gruppi di connessione App-V. Invece dei termini obbligatorio e facoltativo dei pacchetti utilizzati dal server di gestione App-V, Citrix utilizza i termini automatico ed esplicito per le opzioni di distribuzione dei pacchetti.

  • Quando un utente avvia un’applicazione App-V (l’applicazione primaria), viene effettuata una ricerca nei gruppi di isolamento di altri pacchetti di applicazioni contrassegnati per l’inclusione automatica. Questi pacchetti vengono scaricati e inclusi automaticamente nel gruppo di isolamento. Non è necessario aggiungerli al gruppo di consegna che contiene l’applicazione principale.
  • Un pacchetto di applicazioni appartenente al gruppo di isolamento contrassegnato per l’inclusione esplicita viene scaricato solo se l’applicazione è stata aggiunta esplicitamente allo stesso gruppo di consegna che contiene l’applicazione primaria.

Ciò consente di creare gruppi di isolamento contenenti una combinazione di applicazioni incluse automaticamente che sono disponibili a livello globale per tutti gli utenti. Inoltre, il gruppo può contenere un insieme di plug-in e altre applicazioni (che potrebbero avere vincoli di licenza specifici), che è possibile limitare a un determinato gruppo di utenti (identificati tramite gruppi di consegna) senza dover creare altri gruppi di isolamento.

Ad esempio, l’applicazione “app-a” richiede l’esecuzione di JRE 1.7. È possibile creare un gruppo di isolamento contenente app-a (con un tipo di distribuzione esplicito) e JRE 1.7 (con un tipo di distribuzione automatico). Quindi è possibile aggiungere i pacchetti App-V a uno o più gruppi di consegna. Quando un utente avvia app-a, JRE 1.7 viene distribuito automaticamente con esso.

È possibile aggiungere un’applicazione a più di un gruppo di isolamento App-V. Tuttavia, quando un utente avvia tale applicazione, viene sempre utilizzato il primo gruppo di isolamento a cui era stata aggiunta l’applicazione. Non è possibile ordinare o mettere in ordine di priorità altri gruppi di isolamento contenenti tale applicazione.

Bilanciare il carico dei server App-V

La gestione del bilanciamento del carico e la pubblicazione dei che utilizzano DNS Round-Robin sono supportate se si utilizza il metodo di gestione dual admin. Il bilanciamento del carico del server di gestione dietro Netscaler, F5 (o simile) Virtual IP non è supportato a causa del modo in cui Studio deve comunicare con il server di gestione tramite PowerShell remoto. Per ulteriori informazioni, vedere questo articolo del blog Citrix.

Configurazione di IIS per ospitare e trasmettere pacchetti App-V

Per abilitare il server IIS a ospitare e trasmettere pacchetti App-V, attenersi alla seguente procedura:

  1. Aprire la console di IIS Manager. Vedere https://docs.microsoft.com/en-us/previous-versions/iis/6.0-sdk/ms525920(v%3Dvs.90) per istruzioni.
  2. Fare clic con il pulsante destro del mouse sull’istanza del sito Web che si desidera utilizzare e selezionare Aggiungi directory virtuale.
  3. Digitare un nome alias e il percorso in cui i pacchetti sono fisicamente memorizzati nella rete.
  4. Fare doppio clic su Tipi MIME nel riquadro centrale, quindi fare clic con il pulsante destro del mouse in un punto qualsiasi della finestra e selezionare Aggiungi.
  5. Per il tipo di estensione del nome file .appv, selezionare Tipo MIME application/app-v, quindi fare clic su OK.

Importare pacchetti App-V in streaming HTTP nel servizio Citrix Virtual Apps and Desktops

Nota:

Questa funzionalità è supportata solo nelle versioni 2009 e successive degli agenti di distribuzione virtuali (VDA). Se le applicazioni incluse nei pacchetti App-V con percorsi HTTP(S) vengono aggiunte ai gruppi di consegna con un livello funzionale 2003 o successivo, esse vengono pubblicate nel servizio Citrix Virtual Apps and Desktops, ma gli utenti non possono avviarle da Citrix Cloud a meno che il VDA non sia versione 2009 o successiva. Il livello funzionale del gruppo di consegna è spiegato in Creare gruppi di consegna.

  1. Scaricare e installare/decomprimere le versioni più recenti di CVAD Remote PowerShell SDK e del modulo Citrix App-V Package Discovery. Vedere la SDK e API del servizio Citrix Virtual Apps and Desktops.
  2. Utilizzare il modulo Package Discovery per importare il pacchetto App-V dal server IIS al servizio Citrix Virtual Apps and Desktops. Ad esempio:

    Import-Module <Download Directory>\Citrix.Cloud.AppLibrary.Admin.v1.psm1
    Import-AppVPackageToCloud
    –PackagePath "https://My.AppVServer.net/Packages/Notepad++.appv"
    <!--NeedCopy-->
    
  3. Accedere al proprio account Citrix Cloud.
  4. Il pacchetto viene scaricato in una posizione temporanea sul computer da cui le informazioni pertinenti vengono estratte e caricate nella libreria delle applicazioni nell’istanza del servizio Citrix Virtual Apps and Desktops.

Configurazione

Nella tabella seguente viene riepilogata la sequenza di attività di installazione per l’utilizzo di App-V in Citrix Virtual Apps and Desktops utilizzando metodi di gestione single admin e dual admin.

Single admin Dual admin Attività
X X Distribuzione di App-V
X X Confezionamento e collocazione
  X Configurazione degli indirizzi del server App-V in Studio
X X Installazione del software sulle macchine VDA
X   Aggiunta dei pacchetti App-V alla libreria applicazioni
X   Aggiunta dei gruppi di isolamento App-V (facoltativa)
X X Aggiunta delle applicazioni App-V ai gruppi di consegna

Distribuire Microsoft App-V

Per istruzioni sulla distribuzione di App-V, vedere https://docs.microsoft.com/en-us/microsoft-desktop-optimization-pack/.

Facoltativamente, modificare le impostazioni del server di pubblicazione App-V. Citrix consiglia di utilizzare i cmdlet SDK sul controller. Vedere la documentazione dell’SDK per dettagli.

  • Per visualizzare le impostazioni del server di pubblicazione, immettere Get-CtxAppvServerSetting -AppVPublishingServer <pubServer>.
  • Per assicurarsi che le applicazioni App-V vengano avviate correttamente, immettere Set-CtxAppvServerSetting –UserRefreshonLogon 0.

Se in precedenza erano state utilizzate le impostazioni dell’oggetto Criteri di gruppo per gestire le impostazioni del server di pubblicazione, le impostazioni dell’oggetto Criteri di gruppo sostituiscono tutte le impostazioni di integrazione di App-V, incluse le impostazioni dei cmdlet. Ciò può causare un errore di avvio dell’applicazione App-V. Citrix consiglia di rimuovere tutte le impostazioni dei criteri Criteri di gruppo e quindi utilizzare l’SDK per configurare tali impostazioni.

Confezionamento e collocazione

Per entrambi i metodi di gestione, creare pacchetti di applicazioni utilizzando il sequencer App-V. Per ulteriori informazioni, vedere la documentazione Microsoft.

  • Per la gestione single admin, rendere disponibili i pacchetti e i relativi file di configurazione dinamici in un percorso di rete condiviso UNC o SMB. Assicurarsi che l’amministratore di Studio che aggiunge applicazioni ai gruppi di consegna disponga almeno dell’accesso in lettura a tale percorso.
  • Per la gestione dual admin, pubblicare i pacchetti sul server di gestione App-V da un percorso UNC. La pubblicazione da URL HTTP non è supportata.

Indipendentemente dal fatto che i pacchetti si trovino sul server App-V o su una condivisione di rete, assicurarsi che dispongano delle autorizzazioni di protezione appropriate per consentire all’amministratore di Studio di accedervi. Le condivisioni di rete devono essere condivise con “Utenti autenticati” per garantire che sia il VDA che Studio abbiano accesso in lettura per impostazione predefinita.

Configurazione degli indirizzi del server App-V in Studio

Importante:

Citrix consiglia di utilizzare i cmdlet PowerShell nel controller per specificare gli indirizzi del server App-V se tali server utilizzano valori di proprietà non predefiniti. Vedere la documentazione dell’SDK per dettagli. Se si modificano gli indirizzi del server App-V in Studio, alcune proprietà di connessione al server specificate potrebbero essere reimpostate sui valori predefiniti. Queste proprietà vengono utilizzate sui VDA per connettersi ai server di pubblicazione App-V. In questo caso, riconfigurare i valori non predefiniti delle proprietà di ripristino sui server.

Questa procedura è valida solo per il metodo di gestione dual admin.

Specificare gli indirizzi del server di gestione e pubblicazione di App-V per il metodo di gestione dual admin durante o dopo la creazione del sito. È possibile farlo durante o dopo la creazione del sito.

Durante la creazione del sito:

  • Nella pagina App-V della procedura guidata immettere l’URL del server di gestione Microsoft App-V e l’URL e il numero di porta del server di pubblicazione App-V.
  • Verificare la connessione prima di continuare la procedura guidata. Se il test non riesce, vedere la sezione Risoluzione dei problemi riportata di seguito.

Dopo la creazione del sito:

  1. Selezionare Configuration > App-V Publishing nel riquadro di navigazione di Studio.
  2. Se in precedenza non sono stati specificati gli indirizzi del server App-V, selezionare Add Microsoft Server (Aggiungi Microsoft Server) nel riquadro Actions.
  3. Per modificare gli indirizzi dei server App-V, selezionare Edit Microsoft Server (Modifica Microsoft Server) nel riquadro Actions.
  4. Immettere l’URL del server di gestione Microsoft App-V e l’URL e il numero di porta del server di pubblicazione App-V.
  5. Verificare la connessione a tali server prima di chiudere la finestra di dialogo. Se il test non riesce, vedere la sezione Risoluzione dei problemi riportata di seguito.

In seguito, se si desidera rimuovere tutti i collegamenti ai server di gestione e pubblicazione di App-V e impedire a Studio di rilevare i pacchetti App-V in tali server, selezionare Remove Microsoft Server (Rimuovi server Microsoft) nel riquadro Actions. Questa azione è consentita solo se nessuna applicazione nei pacchetti di tali server è attualmente pubblicata in alcun gruppo di consegna. In tal caso, è necessario rimuovere tali applicazioni dai gruppi di consegna prima di poter rimuovere i server App-V.

Installazione del software sulle macchine VDA

Le macchine che contengono VDA devono disporre di due inziemi di software installati per supportare App-V: uno di Microsoft e l’altro di Citrix.

Client Microsoft App-V

Questo software recupera le applicazioni virtuali, pubblica le applicazioni sul client e configura e gestisce automaticamente gli ambienti virtuali in fase di runtime sui dispositivi Windows. Il client App-V memorizza le impostazioni delle applicazioni virtuali specifiche dell’utente, ad esempio le modifiche del Registro di sistema e dei file nel profilo di ogni utente.

Il client App-V è disponibile da Microsoft. Installare un client su ciascun computer contenente un VDA o nell’immagine master utilizzata in un catalogo di macchine virtuali per creare macchine virtuali. Nota: Windows 10 (1607 o superiore) e Windows Server 2016 includono già il client App-V. Solo nei sistemi operativi, abilitare il client App-V eseguendo il cmdlet PowerShell Enable-AppV (senza parametri). Il cmdlet Get-AppVStatus recupera lo stato di attivazione corrente.

Suggerimento:

Dopo aver installato il client App-V, con autorizzazioni di amministratore eseguire il cmdlet PowerShell Get-AppvClientConfiguration e assicurarsi che EnablePackageScripts sia impostato su 1. Se non è impostato su 1, eseguire Set-AppvClientConfiguration -EnablePackageScripts $true.

Componenti Citrix di App-V

Il software dei componenti Citrix di App-V è escluso per impostazione predefinita quando si installa un VDA.

È possibile controllare questo comportamento predefinito durante l’installazione del VDA. Nell’interfaccia grafica, selezionare la casella di controllo Citrix Personalization for App-V - VDA (Personalizzazione Citrix per App-V - VDA) nella pagina Additional Components (Componenti aggiuntivi). Nell’interfaccia della riga di comando, utilizzare l’opzione /includeadditional “Citrix Personalization for App-V – VDA”.

Se non si includono i componenti Citrix App-V durante l’installazione del VDA, ma in seguito si desidera utilizzare le applicazioni App-V, nell’elenco Programmi e funzionalità del computer Windows, fare clic con il pulsante destro del mouse sulla voce Citrix Virtual Delivery Agent e quindi selezionare Change (Cambia). Viene avviata una procedura guidata. Nella procedura guidata, abilitare l’opzione che installa e abilita i componenti di pubblicazione di App-V.

Aggiungere o rimuovere pacchetti App-V nella libreria applicazioni

Queste procedure sono valide solo per il metodo di gestione single admin.

È necessario disporre almeno dell’accesso in lettura alla condivisione di rete contenente i pacchetti App-V.

Aggiungere un pacchetto App-V alla libreria applicazioni

  1. Selezionare Configuration > App-V Publishing nel riquadro di navigazione di Studio.
  2. Selezionare Add Packages (Aggiungi pacchetti) nel riquadro Actions.
  3. Individuare la condivisione contenente i pacchetti App-V e selezionare uno o più pacchetti.
  4. Fare clic su Add.

Rimuovere un pacchetto App-V dalla libreria applicazioni

La rimozione di un pacchetto App-V dalla libreria applicazioni lo rimuove dalla visualizzazione del nodo Studio App-V Publishing. Tuttavia, non ne rimuove le applicazioni dai gruppi di consegna e tali applicazioni possono ancora essere avviate. Il pacchetto rimane nella sua posizione di rete fisica. Questo effetto differisce dalla rimozione di un’applicazione App-V da un gruppo di consegna.

  1. Selezionare Configuration > App-V Publishing nel riquadro di navigazione di Studio.
  2. Selezionare uno o più pacchetti da rimuovere.
  3. Selezionare Rimuovi pacchetto nel riquadro Actions.

Aggiungere, modificare o rimuovere gruppi di isolamento App-V

Aggiungere un gruppo di isolamento App-V

  1. Selezionare App-V Publishing (Pubblicazione App-V) nel riquadro di spostamento di Studio.
  2. Selezionare Add Isolation Group (Aggiungi gruppo di isolamento) nel riquadro Actions.
  3. Nella finestra di dialogo Add Isolation Group Settings (Impostazioni dell’aggiunta di un gruppo di isolamento) digitare un nome e una descrizione per il gruppo di isolamento.
  4. Nell’elenco Available Packages (Pacchetti disponibili) selezionare le applicazioni che si desidera aggiungere al gruppo di isolamento e quindi fare clic sulla freccia destra. Le applicazioni selezionate dovrebbero ora essere visualizzate nell’elenco Packages di Isolation Group. Nell’elenco a discesa Deployment (Distribuzione) accanto a ciascuna applicazione, selezionare Explicit (Esplicita) o Automatic. È inoltre possibile utilizzare le frecce su e giù per modificare l’ordine delle applicazioni nell’elenco.
  5. Al termine, fare clic su OK.

Modificare un gruppo di isolamento App-V

  1. Selezionare App-V Publishing (Pubblicazione App-V) dal riquadro di spostamento di Studio.
  2. Selezionare la scheda Isolation Groups (Gruppi di isolamento) nel riquadro centrale, quindi selezionare il gruppo di isolamento che si desidera modificare.
  3. Selezionare Edit Isolation Group (Modifica gruppo di isolamento) nel riquadro Actions.
  4. Nella finestra di dialogo Edit Isolation Group Settings modificare il nome o la descrizione del gruppo di isolamento, aggiungere o rimuovere applicazioni, modificare il tipo di distribuzione o modificare l’ordine delle applicazioni.
  5. Al termine, fare clic su OK.

Rimuovere un gruppo di isolamento App-V

La rimozione di un gruppo di isolamento non comporta la rimozione dei pacchetti dell’applicazione. Rimuove solo il raggruppamento.

  1. Selezionare App-V Publishing (Pubblicazione App-V) dal riquadro di spostamento di Studio.
  2. Selezionare la scheda Isolation Groups nel riquadro centrale, quindi selezionare il gruppo di isolamento che si desidera rimuovere.
  3. Selezionare Remove Isolation Group (Rimuovi gruppo di isolamento) nel riquadro Actions.
  4. Confermare la rimozione.

Aggiunta delle applicazioni App-V ai gruppi di consegna

La procedura seguente illustra come aggiungere applicazioni App-V ai gruppi di consegna. Per informazioni dettagliate sulla creazione di un gruppo di consegna, vedere Creare gruppi di consegna.

Passaggio 1: scegliere se creare un nuovo gruppo di consegna o aggiungere applicazioni App-V a un gruppo di consegna esistente:

Per creare un gruppo di consegna contenente applicazioni App-V:

  1. Selezionare Gruppi di consegna nel riquadro di spostamento di Studio.
  2. Selezionare Create Delivery Group (Crea gruppo di consegna) nel riquadro Actions.
  3. Nelle pagine successive della procedura guidata specificare un catalogo di macchine e gli utenti.

Per aggiungere applicazioni App-V a gruppi di consegna esistenti:

  1. Selezionare Applications (Applicazioni) nel riquadro di spostamento di Studio.
  2. Selezionare Add Applications (Aggiungi applicazioni) nel riquadro Actions.
  3. Selezionare uno o più gruppi di consegna in cui verranno aggiunte le applicazioni App-V.

Passaggio 2: Nella pagina Applications (Applicazioni) della procedura guidata, fare clic sul menu a discesa Add per visualizzare le origini dell’applicazione. Selezionare App-V.

Passaggio 3: Nella pagina Add App-V Applications (Aggiungi applicazioni App-V), scegliere l’origine App-V: il server App-V o la libreria applicazioni. La visualizzazione risultante include i nomi delle applicazioni più i nomi dei pacchetti e le versioni dei pacchetti. Selezionare le caselle di controllo accanto alle applicazioni o ai collegamenti delle applicazioni che si desidera aggiungere. Quindi fare clic su OK.

Passaggio 4: Completare la procedura guidata.

Buono a sapersi:

  • Se si modificano le proprietà di un’applicazione App-V quando le si aggiunge a un gruppo di consegna, le modifiche vengono apportate all’avvio dell’applicazione. Ad esempio, se si modifica il nome visualizzato o l’icona di un’applicazione quando la si aggiunge al gruppo, la modifica viene visualizzata quando un utente avvia l’applicazione.
  • Se si utilizzano file di configurazione dinamici per personalizzare le proprietà di un’applicazione App-V, tali proprietà sostituiscono le modifiche apportate al momento dell’aggiunta a un gruppo di consegna.
  • Se in un secondo momento si modifica un gruppo di consegna contenente applicazioni App-V, le loro prestazioni non vengono modificate se si modifica il tipo di consegna del gruppo da desktop e applicazioni a solo applicazioni.
  • Quando si rimuove un pacchetto App-V pubblicato in precedenza (amministratore singolo) da un gruppo di consegna, i componenti client Citrix App-V tentano la pulizia, l’annullamento della pubblicazione e la rimozione di tutti i pacchetti che non sono più in uso dal metodo di gestione single admin.
  • Se si utilizza una distribuzione ibrida, con pacchetti forniti dal metodo di gestione single admin e un server di pubblicazione App-V, gestiti da un meccanismo dual admin o di altro genere (ad esempio Criteri di gruppo), non è possibile determinare da quale origine provengano i pacchetti (ora potenzialmente ridondanti). In questo caso, la pulizia non viene tentata.
  • Se si pubblicano più di 100 applicazioni App-V in un singolo gruppo di consegna, le applicazioni potrebbero non essere avviate. In tal caso, utilizzare la proprietà MaxReceivedMessageSize sull’elemento di associazione appropriato per aumentare la dimensione massima ricevibile del messaggio nella configurazione del Delivery Controller e/o Broker Agent sul VDA.

Risoluzione dei problemi

I problemi che possono verificarsi solo quando si utilizza il metodo dual admin sono contrassegnati (DUAL).

(DUAL) Si verifica un errore di connessione PowerShell quando si seleziona Configuration > App-V Publishing nel riquadro di navigazione di Studio.

  • L’amministratore di Studio è anche un amministratore del server App-V? L’amministratore di Studio deve appartenere al gruppo “amministratori” sul server di gestione App-V in modo che possano comunicare con esso.

(DUAL) L’operazione di connessione di prova restituisce un errore quando si specificano gli indirizzi del server App-V in Studio.

  • Il server App-V è acceso? Inviare un comando Ping o controllare Gestione IIS; ogni server App-V deve essere in stato avviato e in esecuzione.
  • La comunicazione remota PowerShell è abilitata sul server App-V? Se no, vedere https://docs.microsoft.com/en-us/previous-versions/technet-magazine/ff700227(v=msdn.10).
  • L’amministratore di Studio è anche un amministratore del server App-V? L’amministratore di Studio deve appartenere al gruppo amministratori sul server di gestione App-V in modo che possano comunicare con esso.
  • La condivisione dei file è abilitata sul server App-V? Immettere \\<App-V server FQDN> in Esplora risorse o con il comando Esegui.
  • Il server App-V dispone delle stesse autorizzazioni di condivisione file dell’amministratore App-V? Nel server App-V aggiungere una voce per \\<App-V server FQDN> in Nomi utente e password archiviati, specificando le credenziali dell’utente che dispone dei privilegi di amministratore sul server App-V. Per informazioni, vedere http://support.microsoft.com/kb/306541.
  • Il server App-V è in Active Directory?

    Se il computer Studio e il server App-V si trovano in domini Active Directory diversi che non hanno una relazione di trust, dalla console PowerShell sul computer Studio eseguire winrm s winrm/Config/client ‘@(TrustedHosts=”<App-V server FQDN>”)’.

    Se TrustedHosts è gestito dall’oggetto Criteri di gruppo, viene visualizzato il seguente messaggio di errore: “The config setting TrustedHosts cannot be changed because use is controlled by policies. The policy would need to be set to Not Configured to change the config setting.” (L’impostazione di configurazione TrustedHosts non può essere modificata perché l’utilizzo è controllato da criteri. Per modificare l’impostazione di configurazione, è necessario impostare il criterio su Non configurato.) In questo caso, aggiungere una voce per il nome del server App-V al criterio TrustedHosts nell’oggetto Criteri di gruppo (Administrative Templates > Windows Components > Windows Remote Management (WinRM) > WinRM Client).

(DUAL) L’individuazione non riesce quando si aggiunge un’applicazione App-V a un gruppo di consegna.

  • L’amministratore di Studio è anche amministratore del server di gestione App-V? L’amministratore di Studio deve appartenere al gruppo amministratori sul server di gestione App-V in modo che possano comunicare con esso.
  • Il server di gestione App-V è in esecuzione? Inviare un comando Ping o controllare Gestione IIS; ogni server App-V deve essere in stato avviato e in esecuzione.
  • La comunicazione remota PowerShell è abilitata su entrambi i server App-V? Se no, vedere https://docs.microsoft.com/en-us/previous-versions/technet-magazine/ff700227(v=msdn.10).
  • I pacchetti dispongono delle autorizzazioni di protezione appropriate per l’accesso dell’amministratore di Studio?

Le applicazioni App-V vengono avviate solo in una versione del browser.

  • Se si pubblicano più versioni in sequenza della stessa app browser, può essere avviata solo una versione dell’app per volta per utente sul VDA. La stessa cosa si verifica anche se i componenti Citrix non sono coinvolti e l’utente avvia le applicazioni sequenziate da collegamenti desktop che puntano a percorsi diversi.

    Qualunque sia la versione del browser che un utente lancia per prima, questa determina la versione del browser che viene eseguita successivamente per tale utente. Quando Firefox rileva un secondo lancio di se stesso, preferisce creare un’istanza del processo già in esecuzione, piuttosto che creare un nuovo processo. Altri browser potrebbero comportarsi allo stesso modo.

    È possibile avviare l’applicazione nella versione del browser Firefox desiderata, aggiungendo il parametro della riga di comando -no-remote al comando di avvio della scorciatoia. Altri browser offrono la stessa possibilità o una simile.

    Nota:

    è necessario utilizzare XenApp 7.17 o versione successiva per sfruttare la funzionalità di enumerazione dei collegamenti. È inoltre necessario modificare il pacchetto in entrambe le versioni dell’app per ottenere questo comportamento bidirezionale.

Le applicazioni App-V non vengono avviate.

  • (DUAL) Il server di pubblicazione è in esecuzione?
  • (DUAL) I pacchetti App-V dispongono di autorizzazioni di sicurezza appropriate in modo che gli utenti possano accedervi?
  • (DUAL) Sul VDA, assicurarsi che Temp punti alla posizione corretta e che ci sia spazio sufficiente nella directory Temp.
  • (DUAL) Sul server di pubblicazione App-V eseguire Get-AppvPublishingServer \* per visualizzare l’elenco dei server di pubblicazione.
  • (DUAL) Sul server di pubblicazione App-V assicurarsi che UserRefreshonLogon sia impostato su False.
  • (DUAL) Nel server di pubblicazione App-V, come amministratore, eseguire Set-AppvPublishingServer e impostare UserRefreshonLogon su False.
  • Sul VDA è installata una versione supportata del client App-V? Il VDA ha l’impostazione enable package scripts (abilita gli script dei pacchetti) attivata?
  • Sul computer contenente il client App-V e il VDA, dall’editor del Registro di sistema (regedit), andare a HKEY_LOCAL_MACHINE\SOFTWARE\Policies\Citrix\AppV. Verificare che la chiave AppVServers abbia il seguente formato di valore: AppVManagementServer+metadata;PublishingServer (ad esempio: http://xmas-demo-appv.blrstrm.com+0+0+0+1+1+1+0+1;http://xmas-demo-appv.blrstrm.com:8082).
  • Nel computer o nell’immagine master contenente il client App-V e VDA, verificare che PowerShell ExecutionPolicy sia impostato su RemoteSigned. Il client App-V fornito da Microsoft non è firmato e questo ExecutionPolicy consente a PowerShell di eseguire script e cmdlet locali senza firma. Utilizzare uno dei due metodi seguenti per impostare ExecutionPolicy: (1) Come amministratore, immettere il cmdlet: Set-ExecutionPolicy RemoteSignedoppure (2) dalle impostazioni dei Criteri di gruppo, andare a Computer Configuration > Policies > Administrative Templates > Windows Components > Windows PowerShell> Turn on Script Execution.
  • Se viene visualizzato l’errore “RegistrationManager.AttemptRegistrationWithSingleDdc: Failed to register”, utilizzare la proprietà MaxReceivedMessageSize sull’elemento di associazione appropriato per aumentare la dimensione massima dei messaggi ricevibili nella configurazione del Delivery Controller e/o dell’agente Broker sul VDA.

Se questi passaggi non risolvono i problemi, abilitare ed esaminare i registri.

Registri

I registri relativi alla configurazione di App-V si trovano in C:\CtxAppvLogs. I registri di avvio dell’applicazione si trovano in: %LOCALAPPDATA%\Citrix\CtxAppvLogs. LOCALAPPDATA risolve la cartella locale per l’utente che ha eseguito l’accesso. Controllare la cartella locale dell’utente per il quale l’avvio dell’applicazione non è riuscito.

Per abilitare i registri di Studio e VDA utilizzati per App-V, è necessario disporre dei privilegi di amministratore. Sarà anche necessario un editor di testo come Blocco note.

Per abilitare i registri di Studio:

  1. Creare la cartella C:\CtxAppvLogs.
  2. Passare a C:\Programmi\Citrix\StudioAppVIntegration\SnapIn\Citrix.Appv.Admin.V1. Aprire CtxAppvCommon.dll.config in un editor di testo e decommentare la riga: <add key =”LogFileName” value=”C:\CtxAppvLogs\log.txt”/>
  3. Riavviare il servizio Broker per avviare la registrazione.

Per abilitare i registri VDA:

  1. Creare la cartella C:\CtxAppvLogs.
  2. Passare a C:\Programmi\Citrix\Virtual Desktop Agent. Aprire CtxAppvCommon.dll.config in un editor di testo e decommentare la riga seguente: <add key =”LogFileName” value=”C:\CtxAppvLogs\log.txt”/>
  3. Decommentare la riga e impostare il campo valore su 1: <add key =”EnableLauncherLogs” value=”1”/>
  4. Riavviare il computer per avviare la registrazione.
App-V