Citrix Virtual Apps and Desktops

HDX

Avviso:

La modifica non corretta del Registro di sistema può causare seri problemi che potrebbero richiedere la reinstallazione del sistema operativo. Citrix non può garantire che i problemi derivanti dall’uso non corretto dell’Editor del Registro di sistema possano essere risolti. Utilizzare l’Editor del Registro di sistema a proprio rischio. Assicurarsi di eseguire il backup del Registro di sistema prima di modificarlo.

Citrix HDX rappresenta un ampio set di tecnologie che offrono un’esperienza ad alta definizione agli utenti di applicazioni e desktop centralizzati, su qualsiasi dispositivo e su qualsiasi rete.

Canali virtuali

HDX è progettato in base a tre principi tecnici:

  • Reindirizzamento intelligente
  • Compressione adattiva
  • Deduplicazione dei dati

Applicati in diverse combinazioni, questi ottimizzano l’IT e l’esperienza utente, riducono il consumo di larghezza di banda e aumentano la densità degli utenti per server di hosting.

  • Reindirizzamento intelligente: il reindirizzamento intelligente esamina l’attività sullo schermo, i comandi delle applicazioni, il dispositivo endpoint e le funzionalità di rete e del server per determinare immediatamente come e dove eseguire il rendering di un’applicazione o un’attività desktop. Il rendering può avvenire sul dispositivo endpoint o sul server di hosting.
  • Compressione adattiva: la compressione adattiva consente di fornire display multimediali avanzati su connessioni di rete thin. HDX valuta innanzitutto diverse variabili, ad esempio il tipo di input, dispositivo e visualizzazione (testo, video, voce e multimediale). Sceglie il codec di compressione ottimale e la migliore percentuale di utilizzo della CPU e della GPU. Si adatta quindi in modo intelligente in base a ogni singolo utente e base. Questo adattamento intelligente è utente per utente o anche sessione per sessione.

    Compressione adattiva

  • Deduplicazione dei dati: la deduplicazione del traffico di rete riduce i dati aggregati inviati tra client e server. Lo fa sfruttando i modelli ripetuti in dati comunemente accessibili come immagini bitmap, documenti, processi di stampa e dati multimediali in streaming. La memorizzazione nella cache di questi modelli consente di trasmettere solo le modifiche attraverso la rete, eliminando il traffico duplicato. HDX supporta anche il multicasting di flussi multimediali, in cui una singola trasmissione dalla sorgente viene visualizzata da più abbonati in un’unica posizione, piuttosto che utilizzare una connessione individuale per ogni utente.

Per ulteriori informazioni, vedere Aumenta la produttività con un’area di lavoro utente ad alta definizione.

Nel dispositivo

HDX utilizza la capacità di elaborazione dei dispositivi utente per migliorare e ottimizzare l’esperienza utente. La tecnologia HDX garantisce agli utenti un’esperienza fluida e senza interruzioni con contenuti multimediali nei loro desktop o applicazioni virtuali. Il controllo dell’area di lavoro consente agli utenti di mettere in pausa i desktop e le applicazioni virtuali e di riprendere a lavorare da un dispositivo diverso nel punto in cui si erano interrotti.

Sulla rete

HDX incorpora funzionalità avanzate di ottimizzazione e accelerazione per offrire le migliori prestazioni su qualsiasi rete, incluse le connessioni WAN a bassa larghezza di banda e ad alta latenza.

Le funzioni HDX si adattano ai cambiamenti dell’ambiente. Le caratteristiche mantengono un equilibrio fra prestazioni e larghezza di banda. Applicano le migliori tecnologie per ogni scenario utente, indipendentemente dal fatto che l’accesso al desktop o l’applicazione venga effettuato localmente sulla rete aziendale o in remoto dall’esterno del firewall aziendale.

Nel centro dati

HDX utilizza la potenza di elaborazione e la scalabilità dei server per offrire prestazioni grafiche avanzate, indipendentemente dalle funzionalità dei dispositivi client.

Il monitoraggio dei canali HDX fornito da Citrix Director visualizza lo stato dei canali HDX collegati sui dispositivi utente.

HDX Insight

HDX Insight è l’integrazione di NetScaler Network Inspector e Performance Manager con Director. Acquisisce i dati sul traffico ICA e fornisce una panoramica dei dettagli storici e in tempo reale. Questi dati includono la latenza della sessione ICA lato client e lato server, l’uso della larghezza di banda dei canali ICA e il valore temporale di andata e ritorno ICA di ogni sessione.

È possibile consentire a NetScaler di utilizzare il canale virtuale HDX Insight per spostare tutti i punti dati richiesti in un formato non compresso. Se si disattiva questa funzione, il dispositivo NetScaler decrittografa e decomprime il traffico ICA diffuso su vari canali virtuali. L’utilizzo del singolo canale virtuale riduce la complessità, migliora la scalabilità ed è più conveniente.

Requisiti minimi:

  • Citrix Virtual Apps and Desktops 7 v1808
  • XenApp e XenDesktop 7.17
  • NetScaler versione 12.0 Build 57.x
  • App Citrix Workspace per Windows 1808
  • Citrix Receiver per Windows 4.10
  • App Citrix Workspace per Mac 1808
  • Citrix Receiver per Mac 12.8

Attivare o disattivare il canale virtuale HDX Insight

Per disattivare questa funzione, impostare le proprietà del servizio Citrix NetScaler Application Flow su Disabilitato. Per attivarla, impostare il servizio su Automatico. In entrambi i casi, si consiglia di riavviare il server dopo aver modificato queste proprietà. Per impostazione predefinita, questo servizio è abilitato (Automatico).

Immagine del canale virtuale Insight

Sperimentare le funzionalità HDX dal proprio desktop virtuale

  • Per vedere come il reindirizzamento dei contenuti del browser, una delle quattro tecnologie di reindirizzamento multimediale HDX, accelera la distribuzione di contenuti multimediali HTML5 e WebRTC:
    1. Scaricare Estensione del browser Chrome e installarlo sul desktop virtuale.
    2. Per scoprire come il reindirizzamento dei contenuti del browser accelera la distribuzione di contenuti multimediali ai desktop virtuali, è possibile visualizzare un video sul desktop da un sito Web contenente video HTML5, come YouTube. Gli utenti non sanno quando è in esecuzione il reindirizzamento dei contenuti del browser. Per verificare se è in uso il reindirizzamento del contenuto del browser, trascinare rapidamente la finestra del browser. Verrà visualizzato un ritardo o un fuori quadro tra il riquadro di visualizzazione e l’interfaccia utente. È inoltre possibile fare clic con il pulsante destro del mouse sulla pagina Web e cercare Informazioni su HDX Browser Redirection nel menu.
  • Per vedere come HDX fornisce l’audio ad alta definizione:
    1. Configurare il client Citrix per la massima qualità audio; consultare la documentazione dell’app Citrix Workspace per i dettagli.
    2. Riprodurre file musicali utilizzando un lettore audio digitale (ad esempio iTunes) sul desktop.

HDX offre un’esperienza grafica e video superiore per la maggior parte degli utenti per impostazione predefinita e la configurazione non è necessaria. Le impostazioni dei criteri Citrix che offrono la migliore esperienza per la maggior parte dei casi d’uso sono abilitate per impostazione predefinita.

  • HDX seleziona automaticamente il metodo di consegna migliore in base al client, alla piattaforma, all’applicazione e alla larghezza di banda della rete, per poi eseguire l’ottimizzazione automatica in base alle condizioni che cambiano.
  • HDX ottimizza le prestazioni di grafica e video 2D e 3D.
  • HDX consente ai dispositivi utente di trasmettere file multimediali direttamente dal provider di origine su Internet o Intranet, anziché tramite il server host. Se i requisiti per il recupero dei contenuti sul lato client non vengono soddisfatti, la distribuzione dei contenuti multimediali effettua il fallback sul recupero dei contenuti sul lato server e sul reindirizzamento multimediale. In genere, non è necessario modificare i criteri delle funzionalità di reindirizzamento multimediale.
  • HDX offre contenuti video avanzati con rendering via server ai desktop virtuali quando non è disponibile il reindirizzamento multimediale: visualizzare un video su un sito Web contenente video ad alta definizione, quale http://www.microsoft.com/silverlight/iis-smooth-streaming/demo/.

Buono a sapersi:

  • Per informazioni sul supporto e sui requisiti per le funzionalità HDX, vedere l’articolo Requisiti di sistema. Salvo diversamente indicato, le funzionalità HDX sono disponibili per i computer con il sistema operativo Windows multi-sessione e a sessione singola supportati, oltre ai desktop Accesso remoto PC.
  • Questo contenuto descrive come ottimizzare l’esperienza utente, migliorare la scalabilità del server o ridurre i requisiti di larghezza di banda. Per informazioni sull’utilizzo dei criteri e delle impostazioni dei criteri Citrix, vedere la documentazione dei Criteri Citrix relativa a questa versione.
  • Per istruzioni che includono la modifica del Registro di sistema, procedere con cautela: la modifica non corretta del Registro di sistema può causare seri problemi che potrebbero richiedere la reinstallazione del sistema operativo. Citrix non può garantire che i problemi derivanti dall’uso non corretto dell’Editor del Registro di sistema possano essere risolti. Utilizzare l’Editor del Registro di sistema a proprio rischio. Assicurarsi di eseguire il backup del Registro di sistema prima di modificarlo.

Riconnessione automatica del client e affidabilità della sessione

Quando si accede ad applicazioni o desktop ospitati, potrebbe verificarsi un’interruzione della rete. Per godere di una riconnessione più fluida, offriamo la riconnessione automatica del client e l’affidabilità della sessione. In una configurazione predefinita, viene prima avviata l’affidabilità della sessione e quindi segue la riconnessione automatica del client.

Riconnessione automatica del client:

La riconnessione automatica del client riavvia il motore client per riconnettersi a una sessione disconnessa. La riconnessione automatica del client chiude (o disconnette) la sessione utente dopo il tempo specificato nella relativa impostazione. Se è in corso la riconnessione automatica del client, il sistema invia all’utente una notifica di interruzione della rete per le applicazioni e i desktop nel modo seguente:

  • Desktop. La finestra della sessione è disattivata e un conto alla rovescia mostra il tempo che manca alla riconnessione.
  • Applicazioni. La finestra della sessione si chiude e viene visualizzata una finestra di dialogo contenente un conto alla rovescia che mostra il tempo che manca al tentativo di riconnessione.

Durante la riconnessione automatica del client, le sessioni si riavviano in attesa della connettività di rete. L’utente non può interagire con le sessioni mentre è in corso la riconnessione automatica del client.

Durante la riconnessione, le sessioni disconnesse si riconnettono utilizzando le informazioni di connessione salvate. L’utente può interagire normalmente con le applicazioni e i desktop.

Impostazioni predefinite di riconnessione automatica del client:

  • Timeout di riconnessione automatica del client: 120 secondi
  • Riconnessione automatica del client: abilitata
  • Autenticazione di riconnessione automatica del client: disattivata
  • Registrazione della riconnessione automatica del client: disabilitata

Per ulteriori informazioni, vedere Impostazioni dei criteri di riconnessione automatica del client.

Affidabilità della sessione:

L’affidabilità della sessione riconnette le sessioni ICA senza problemi durante le interruzioni di rete. L’affidabilità della sessione chiude (o disconnette) la sessione utente dopo il tempo specificato nell’impostazione. Dopo il timeout dell’affidabilità della sessione, avranno effetto le impostazioni di riconnessione automatica del client, tentando di riconnettere l’utente alla sessione disconnessa. Quando l’affidabilità della sessione è in corso, la notifica di interruzione della rete delle applicazioni e dei desktop viene inviata all’utente come segue:

  • Desktop. La finestra della sessione diventa trasparente e un conto alla rovescia visualizza il tempo che manca alle riconnessioni.
  • Applicazioni. La finestra diventa trasparente, così come le finestre a comparsa interrotte dalla connessione dall’area di notifica.

Mentre l’affidabilità della sessione è attiva, l’utente non può interagire con le sessioni ICA. Tuttavia, le azioni dell’utente quali le sequenze di tasti vengono memorizzate nel buffer per pochi secondi immediatamente dopo l’interruzione della rete e vengono ritrasmesse quando la rete è disponibile.

Al momento della riconnessione, il client e il server riprendono dallo stesso punto in cui si trovavano nel loro scambio di protocollo. Le finestre di sessione perdono la trasparenza e vengono visualizzate le finestre a comparsa appropriate dell’area di notifica per le applicazioni.

Impostazioni predefinite dell’affidabilità della sessione

  • Timeout dell’affidabilità della sessione: 180 secondi
  • Livello di opacità dell’interfaccia utente di riconnessione: 80%
  • Connessione all’affidabilità della sessione: abilitata
  • Numero di porta dell’affidabilità della sessione: 2598

Per ulteriori informazioni, vedere Impostazioni dei criteri di affidabilità delle sessioni.

NetScaler con riconnessione automatica del client e affidabilità della sessione:

Se i criteri Multistream e Multiport sono attivati sul server e una o tutte queste condizioni sono vere, la riconnessione automatica del client non funziona:

  • L’affidabilità della sessione è disabilitata su NetScaler Gateway.
  • Si verifica un failover sull’appliance NetScaler.
  • NetScaler SD-WAN viene utilizzato con NetScaler Gateway.

Velocità effettiva adattiva di HDX

La velocità effettiva adattiva di HDX consente di ottimizzare in modo intelligente la velocità di picco della sessione ICA regolando i buffer di output. Il numero di buffer di output viene inizialmente impostato su un valore elevato. Questo valore elevato consente di trasmettere i dati al client in modo più rapido ed efficiente, soprattutto nelle reti ad alta latenza. Fornire una migliore interattività, trasferimenti di file più rapidi, riproduzione video più fluida, frequenza di aggiornamento e risoluzione più elevate si traduce in un’esperienza utente migliorata.

L’interattività della sessione viene costantemente misurata per determinare se qualsiasi flusso di dati all’interno della sessione ICA influisce negativamente sull’interattività. In tal caso, la velocità effettiva viene ridotta per ridurre l’impatto sulla sessione del flusso di dati di grandi dimensioni e consentire il ripristino dell’interattività.

Importante:

La velocità effettiva adattiva di HDX modifica il modo in cui vengono impostati i buffer di output spostando questo meccanismo dal client alla VDA e non è necessaria alcuna configurazione manuale.

Questa funzione ha i seguenti requisiti:

  • VDA versione 1811 o successiva
  • App Workspace per Windows 1811 o versione successiva

Migliorare la qualità dell’immagine inviata ai dispositivi utente

Le seguenti impostazioni dei criteri di visualizzazione visiva controllano la qualità delle immagini inviate dai desktop virtuali ai dispositivi utente.

  • Qualità visiva. Controlla la qualità visiva delle immagini visualizzate sul dispositivo utente: media, alta, sempre senza perdite, compila per senza perdite (impostazione predefinita= media). La qualità video effettiva mediante l’impostazione predefinita del supporto dipende dalla larghezza di banda disponibile.
  • Frequenza di aggiornamento target. Specifica il numero massimo di fotogrammi al secondo inviati dal desktop virtuale al dispositivo utente (impostazione predefinita= 30). Per i dispositivi con CPU più lente, specificando un valore inferiore, si può migliorare l’esperienza utente. La massima frequenza di fotogrammi supportata al secondo è 60.
  • Limite di memoria di visualizzazione. Specifica la dimensione massima del buffer video per la sessione in kilobyte (impostazione predefinita= 65536 KB). Per le connessioni che richiedono una maggiore profondità di colore e una risoluzione più elevata, aumentare il limite. È possibile calcolare la memoria massima richiesta.

Migliorare le prestazioni delle videoconferenze

Diverse applicazioni per videoconferenza più diffuse sono ottimizzate per la distribuzione da Citrix Virtual Apps and Desktops attraverso il reindirizzamento multimediale (vedere ad esempio HDX RealTime Optimization Pack). Per le applicazioni non ottimizzate, la compressione video HDX della webcam migliora l’efficienza della larghezza di banda e la tolleranza alla latenza per le webcam durante le videoconferenze in una sessione. Questa tecnologia trasmette il traffico delle webcam su un canale virtuale multimediale dedicato. Questa tecnologia utilizza meno larghezza di banda rispetto al supporto isocrono HDX Plug-n-Play USB per il reindirizzamento e funziona bene sulle connessioni WAN.

Gli utenti dell’app Citrix Workspace possono ignorare il comportamento predefinito scegliendo l’impostazione Mic & Webcam (Microfono e webcam) di Desktop Viewer Don’t use my microphone or webcam (Non utilizzare il microfono e la webcam). Per impedire agli utenti di modificare la compressione video HDX della webcam, disabilitare il reindirizzamento dei dispositivi USB utilizzando le impostazioni dei criteri in ICA policy settings (Impostazioni criteri ICA) > USB Devices policy (Criteri dispositivi USB).

La compressione video HDX della webcam richiede che siano abilitate le seguenti impostazioni dei criteri (sono tutte abilitate per impostazione predefinita).

  • Client audio redirection (Reindirizzamento audio client)
  • Client microphone redirection (Reindirizzamento microfono client)
  • Multimedia conferencing (Conferenze multimediali)
  • Reindirizzamento di Windows Media

Se una webcam supporta la codifica hardware, la compressione video HDX utilizza la codifica hardware per impostazione predefinita. La codifica hardware potrebbe consumare più larghezza di banda rispetto alla codifica software. Per forzare la compressione del software, aggiungere il seguente valore di chiave DWORD alla chiave del Registro di sistema: HKCU\Software\Citrix\HdxRealTime: DeepCompress_ForceSWEncode=1.

Priorità relative al traffico di rete

Vengono assegnate priorità al traffico di rete tra più connessioni per una sessione utilizzando router supportati da Quality of Service. Quattro flussi TCP e due flussi UDP (User Datagram Protocol) sono disponibili per trasportare il traffico ICA tra il dispositivo utente e il server:

  • Flussi TCP: in tempo reale, interattivi, in background e in blocco
  • Flussi UDP: comunicazione remota display Framehawk e voce

Ogni canale virtuale è associato a una priorità specifica e trasportato nella connessione corrispondente. È possibile impostare i canali in modo indipendente, in base al numero della porta TCP utilizzata per la connessione.

Le connessioni in streaming a più canali sono supportate per gli agenti di distribuzione virtuali (VDA) installati su computer Windows 10, Windows 8 e Windows 7. Collaborare con l’amministratore di rete per assicurarsi che le porte CGP (Common Gateway Protocol) configurate nell’impostazione Criterio multi-porta siano assegnate correttamente ai router di rete.

La qualità del servizio è supportata solo quando sono configurate più porte di affidabilità della sessione o le porte CGP.

Avviso:

Utilizzare la sicurezza di trasporto quando si utilizza questa funzione. Citrix consiglia di utilizzare IPsec (Internet Protocol Security) o TLS (Transport Layer Security). Le connessioni TLS sono supportate solo quando le connessioni attraversano un NetScaler Gateway che supporta ICA multi-flusso. In una rete aziendale interna, le connessioni multi-flusso con TLS non sono supportate.

Per impostare la qualità del servizio per più connessioni in streaming, aggiungere le seguenti impostazioni dei criteri Citrix a un criterio (vedere Impostazioni dei criteri delle connessioni multi-flusso per i dettagli):

  • Criterio multi-porta: questa impostazione specifica le porte per il traffico ICA tra più connessioni e stabilisce le priorità della rete.

    • Selezionare una priorità dall’elenco delle priorità per la porta predefinita CGP. Per impostazione predefinita, la porta primaria (2598) ha una priorità alta.
    • Digitare più porte CGP in CGP port1, CGP port2, and CGP port3 in base alle esigenze e identificare le priorità per ciascuna. Ogni porta deve avere una priorità univoca.

    Configurare in modo esplicito i firewall sui VDA per consentire il traffico TCP aggiuntivo.

  • Impostazione computer multi-flusso: questa impostazione è disabilitata per impostazione predefinita. Se si utilizza Citrix NetScaler SD-WAN con supporto multi-flusso nell’ambiente, non è necessario configurare questa impostazione. Configurare questa impostazione dei criteri quando si utilizzano router di terze parti o SD-WAN NetScaler legacy per ottenere la qualità del servizio desiderata.

  • Impostazione utente multi-flusso: questa impostazione è disabilitata per impostazione predefinita.

Perché i criteri contenenti queste impostazioni abbiano effetto, gli utenti devono scollegarsi e quindi accedere alla rete.

Visualizzare o nascondere la barra della lingua remota

La barra della lingua visualizza la lingua di input preferita in una sessione dell’applicazione. Se questa funzione è abilitata (impostazione predefinita), è possibile mostrare o nascondere la barra della lingua dall’interfaccia utente Preferenze avanzate > Barra della lingua nell’app Citrix Workspace per Windows. Utilizzando un’impostazione del Registro di sistema sul lato VDA, è possibile disattivare il controllo client della funzionalità barra della lingua. Se questa funzionalità è disabilitata, l’impostazione dell’interfaccia utente client non ha effetto e l’impostazione corrente per utente determina lo stato della barra della lingua. Per ulteriori informazioni, vedere Migliorare l’esperienza utente.

Per disabilitare il controllo client della funzionalità barra della lingua dal VDA:

  1. Nell’editor del Registro di sistema passare a HKEY_LOCAL_MACHINE\SYSTEM\CurrentControlSet\Control\Citrix\wfshell\TWI.
  2. Creare una chiave valore DWORD, SeamlessFlags, e impostarla su 0x40000.

Mappatura tastiera Unicode

Le versioni non Windows di Citrix Receiver utilizzano il layout di tastiera locale (Unicode). Se un utente modifica il layout della tastiera locale e il layout della tastiera del server (codice di scansione), questi potrebbero non essere sincronizzati e l’output potrebbe non essere corretto. Ad esempio, Utente1 modifica il layout di tastiera locale da inglese a tedesco. Utente1 cambia quindi la tastiera lato server scegliendo il layout tedesco. Anche se entrambi i layout di tastiera sono tedeschi, potrebbero non essere sincronizzati causando un output di caratteri errati.

Abilitare o disabilitare il mapping del layout di tastiera Unicode

Per impostazione predefinita, la funzionalità è disabilitata sul lato VDA. Per abilitare la funzionalità, attivarla utilizzando l’editor del Registro di sistema regedit sul VDA. Aggiungere la seguente chiave del Registro di sistema:

KEY_LOCAL_MACHINE/SOFTWARE/Citrix/CtxKlMap

Nome: EnableKlMap

Tipo: DWORD

Valore: 1

Per disattivare questa funzione, impostare EnableKlMap su 0 o eliminare la chiave CtxKlMap.

Abilitare la modalità compatibile con la mappatura del layout della tastiera Unicode

Per impostazione predefinita, la mappatura del layout di tastiera Unicode effettua automaticamente l’hook di alcune API di Windows per ricaricare la nuova mappa del layout di tastiera Unicode quando si modifica il layout di tastiera sul lato server. Alcune applicazioni non consentono di effettuare l’hook. Per mantenere la compatibilità, è possibile modificare la funzionalità in modalità compatibile per supportare queste applicazioni non collegate con l’hook. Aggiungere la seguente chiave del Registro di sistema:

HKEY_LOCAL_MACHINE/SOFTWARE/Citrix/CtxKlMap

Nome: DisableWindowHook

Tipo: DWORD

Valore: 1

Per utilizzare la normale mappatura del layout di tastiera Unicode, impostare DisableWindowHook su 0.