Citrix Virtual Apps and Desktops

Registrazione della configurazione

La registrazione della configurazione è una funzionalità che acquisisce le modifiche alla configurazione del sito e le attività amministrative nel database. Questa funzionalità è abilitata per impostazione predefinita. È possibile utilizzare il contenuto registrato per:

  • Diagnosticare e risolvere i problemi dopo aver apportato modifiche alla configurazione. Il log fornisce una traccia degli spostamenti.
  • Facilitare la gestione delle modifiche e tenere traccia delle configurazioni.
  • Segnalare le attività di amministrazione.

È possibile impostare delle preferenze per la registrazione della configurazione, visualizzare i log di configurazione e generare report HTML e CSV da Citrix Studio. È possibile filtrare le visualizzazioni dei log di configurazione in base agli intervalli di date e ai risultati della ricerca full-text. La registrazione obbligatoria, se abilitata, impedisce che vengano apportate modifiche alla configurazione, a meno che non possano essere registrate. Se si dispone dell’autorizzazione appropriata, è possibile eliminare voci dal log di configurazione. Non è possibile utilizzare la funzione di registrazione della configurazione per modificare il contenuto del log.

La registrazione della configurazione utilizza un SDK PowerShell e il servizio di registrazione dalla configurazione. Il servizio di registrazione della configurazione viene eseguito su tutti i controller del sito. Se un controller presenta un problema, il servizio su un altro controller gestisce automaticamente le richieste di registrazione.

Per impostazione predefinita, la funzionalità di registrazione della configurazione è abilitata e utilizza il database creato durante la creazione del sito (il database di configurazione del sito). È possibile specificare una posizione diversa per il database. Il database di registrazione della configurazione supporta le stesse funzionalità di disponibilità elevata del database di configurazione del sito.

L’accesso alla registrazione della configurazione è controllato tramite l’amministrazione delegata, con le autorizzazioni Edit Logging Preferences (Modifica preferenze di registrazione) e View Configuration Logs (Visualizza log di configurazione).

La lingua dei registri di configurazione viene impostata al momento della creazione. Ad esempio, un registro creato in inglese viene letto in inglese, indipendentemente dalle impostazioni internazionali del lettore.

Cosa viene registrato

Vengono registrate le modifiche alla configurazione e le attività amministrative avviate dagli script di Studio, Director e PowerShell. Esempi di modifiche alla configurazione registrate includono l’utilizzo (creazione, modifica, eliminazione, assegnazione) di quanto segue:

  • Cataloghi di macchine
  • Gruppi di distribuzione (inclusa la modifica delle impostazioni di gestione dell’alimentazione)
  • Ruoli e ambiti dell’amministratore
  • Risorse e connessioni host
  • Criteri Citrix tramite Studio

Esempi di modifiche amministrative registrate includono:

  • Gestione dell’alimentazione di una macchina virtuale o di un desktop utente
  • Studio o Director che invia un messaggio a un utente

Le seguenti operazioni non vengono registrate:

  • Operazioni automatizzate come l’attivazione della gestione in pool delle macchine virtuali.
  • Azioni dei criteri implementate tramite la Console Gestione Criteri di gruppo (GPMC); utilizzare gli strumenti Microsoft per visualizzare i log di tali azioni.
  • Modifiche apportate tramite il Registro di sistema, accesso diretto al database o da fonti diverse da Studio, Director o PowerShell.
  • Quando la distribuzione viene inizializzata, la registrazione della configurazione diventa disponibile quando la prima istanza del servizio di registrazione della configurazione si registra con il servizio di configurazione. Pertanto, le prime fasi della configurazione non vengono registrate (ad esempio, quando lo schema del database viene ottenuto e applicato o quando viene inizializzato un hypervisor).

Gestire la registrazione della configurazione

Per impostazione predefinita, la registrazione della configurazione utilizza il database creato durante la creazione di un sito (noto anche come database di configurazione del sito). Citrix consiglia di utilizzare una posizione separata per il database di registrazione della configurazione (e il database di monitoraggio) per i seguenti motivi:

  • È probabile che la strategia di backup per il database di registrazione della configurazione differisca dalla strategia di backup per il database di configurazione del sito.
  • Il volume di dati raccolti per la registrazione della configurazione (e il servizio di monitoraggio) potrebbe influire negativamente sullo spazio disponibile per il database di configurazione del sito.
  • Divide il singolo punto di errore per i tre database.

Le versioni dei prodotti che non supportano la registrazione della configurazione non hanno un nodo Logging (Registrazione) in Studio.

Abilitare e disabilitare la registrazione della configurazione e la registrazione obbligatoria

Per impostazione predefinita, la registrazione della configurazione è abilitata e la registrazione obbligatoria è disabilitata.

  1. Selezionare Logging (Registrazione) nel riquadro di navigazione di Studio.
  2. Selezionare Preferences (Preferenze) nel riquadro Actions (Azioni). La finestra di dialogo di registrazione della configurazione contiene informazioni sul database e indica se la registrazione della configurazione e la registrazione obbligatoria sono abilitate o disabilitate.
  3. Selezionare l’azione desiderata:

    Per abilitare la registrazione della configurazione, selezionare Enable (Abilita). Questa è l’impostazione predefinita. Se non è possibile scrivere nel database, le informazioni di registrazione vengono eliminate, ma l’operazione continua.

    Per disabilitare la registrazione della configurazione, selezionare Disable (Disabilita). Se la registrazione era precedentemente abilitata, i log esistenti rimangono leggibili con l’SDK PowerShell.

    Per abilitare la registrazione obbligatoria, selezionare Prevent changes to the site configuration when the database is not available (Impedisci modifiche alla configurazione del sito quando il database non è disponibile). Nessuna modifica alla configurazione o attività amministrativa normalmente registrata è consentita, a meno che non possa essere scritta nel database di registrazione della configurazione. È possibile abilitare la registrazione obbligatoria solo quando la registrazione della configurazione è abilitata (quando l’opzione Enable [Abilita] è selezionata). Se il servizio di registrazione della configurazione presenta un problema e la disponibilità elevata non è in uso, si presume l’utilizzo della registrazione obbligatoria. In questi casi, le operazioni normalmente registrate non vengono eseguite.

    Per disabilitare la registrazione obbligatoria, selezionare Allow changes when to the site configuration when the database is not available (Consenti modifiche alla configurazione del sito quando il database non è disponibile). Sono consentite modifiche alla configurazione e attività amministrative, anche se non è possibile accedere al database di registrazione della configurazione. Questa è l’impostazione predefinita.

Modificare la posizione del database di registrazione della configurazione

Non è possibile modificare la posizione del database quando è abilitata la registrazione obbligatoria, poiché la modifica della posizione include un breve intervallo di disconnessione che non può essere registrato.

  1. Creare un server di database utilizzando una versione supportata di SQL Server.
  2. Selezionare Logging (Registrazione) nel riquadro di navigazione di Studio.
  3. Selezionare Preferences (Preferenze) nel riquadro Actions (Azioni).
  4. Nella finestra di dialogo Logging Preferences (Preferenze di registrazione), selezionare Change logging database (Modifica database di registrazione).
  5. Nella finestra di dialogo Change logging database (Modifica database di registrazione), specificare la posizione del server contenente il nuovo server del database. Vedere Formati degli indirizzi di database per i formati validi.
  6. Per consentire a Studio di creare il database, fare clic su OK. Quando richiesto, fare clic su OK e il database viene creato automaticamente. Studio tenta di accedere al database utilizzando le credenziali dell’utente di Studio corrente. Se l’operazione non riesce, viene richiesto di specificare le credenziali dell’utente del database. Studio carica quindi lo schema del database nel database (le credenziali vengono conservate solo durante la creazione del database).
  7. Per creare il database manualmente, fare clic su Generate database script (Genera script di database). Lo script generato include istruzioni per la creazione manuale del database. Prima di caricare lo schema, assicurarsi che il database sia vuoto e che almeno un utente disponga dell’autorizzazione di accesso e modifica del database.

I dati di registrazione della configurazione nel database precedente non vengono importati nel nuovo database. I log non possono essere aggregati da entrambi i database durante il recupero dei log. La prima voce di log nel nuovo database di registrazione della configurazione indica che si è verificata una modifica nel database, ma non identifica il database precedente.

Visualizzare il contenuto del log di configurazione

Quando si avviano le modifiche alla configurazione e le attività amministrative, le operazioni di alto livello create da Studio e Director sono elencate nel riquadro centrale superiore di Studio. Un’operazione di alto livello comporta una o più chiamate di servizio e SDK, che sono operazioni di basso livello. Quando si seleziona un’operazione di alto livello nel riquadro superiore, il riquadro inferiore visualizza le operazioni di basso livello.

Se un’operazione non riesce prima del completamento, l’operazione di log potrebbe non essere completata nel database. Ad esempio, un record di avvio non avrà alcun record di arresto corrispondente. In questi casi, il log indica che mancano informazioni. Quando si visualizzano i log in base a intervalli di tempo, vengono visualizzati i log incompleti se i dati nei log corrispondono ai criteri. Ad esempio, se vengono richiesti tutti i log degli ultimi cinque giorni ed è presente un log con un’ora di inizio negli ultimi cinque giorni ma senza ora di fine, viene incluso.

Quando si utilizza uno script che chiama i cmdlet PowerShell, se si crea un’operazione di basso livello senza specificare un’operazione padre di alto livello, la registrazione della configurazione crea un’operazione surrogata di alto livello.

Per visualizzare il contenuto del log di configurazione, selezionare Logging (Registrazione) nel riquadro di navigazione di Studio. Per impostazione predefinita, il riquadro centrale elenca cronologicamente i contenuti del log (prima le voci più recenti), separati per data. Le opzioni disponibili sono:

  • Ordinare la visualizzazione per intestazione di colonna.
  • Filtrare la visualizzazione specificando un intervallo di giorni o inserendo il testo nella casella Search (Cerca). Per tornare alla visualizzazione standard dopo aver utilizzato la ricerca, eliminare il testo nella casella Search (Cerca).

Generare report

È possibile generare report CSV e HTML contenenti i dati del log di configurazione.

  • Il report CSV contiene tutti i dati di registrazione a partire da un intervallo di tempo specificato. I dati gerarchici nel database vengono semplificati in una singola tabella CSV. Nessun aspetto dei dati ha la precedenza nel file. Non viene utilizzata alcuna formattazione e non si presume che i dati risultino leggibili dalle persone. Il file (denominato MyReport) contiene i dati in un formato universalmente consultabile. I file CSV vengono spesso utilizzati per l’archiviazione dei dati o come origine dati per uno strumento di reportistica o di manipolazione dei dati come Microsoft Excel.
  • Il report HTML fornisce una forma leggibile dei dati di registrazione per un intervallo di tempo specificato. Fornisce una vista strutturata e navigabile per la revisione delle modifiche. Un report HTML comprende due file, denominati Summary (Riepilogo) e Details (Dettagli). Il file Summary (Riepilogo) elenca le operazioni di alto livello: quando si è verificata ogni operazione, chi l’ha eseguita e il risultato. Facendo clic sul collegamento Details (Dettagli) accanto a ciascuna operazione si accede alle operazioni di basso livello nel file Details (Dettagli), che fornisce ulteriori informazioni.

Per generare un report del log di configurazione, selezionare Logging (Registrazione) nel riquadro di navigazione di Studio, quindi selezionare Create custom report (Crea report personalizzato) nel riquadro Actions (Azioni).

  • Selezionare l’intervallo di date per il report.
  • Selezionare il formato del report: CSV, HTML o entrambi.
  • Individuare la posizione in cui si desidera salvare il report.

Eliminare il contenuto del log di configurazione

Per eliminare il log di configurazione, è necessario disporre di alcune autorizzazioni per l’amministrazione delegata e per il database di SQL Server.

  • Amministrazione delegata: è necessario disporre di un ruolo di amministrazione delegata che consenta di leggere la configurazione della distribuzione. Il ruolo Full administrator (Amministratore completo) dispone di questa autorizzazione. Per un ruolo personalizzato, deve essere selezionata l’opzione Read Only (Sola lettura) o Manage (Gestisci) nella categoria Other permissions (Altre autorizzazioni).

    Per creare un backup dei dati di registrazione della configurazione prima di eliminarli, anche per il ruolo personalizzato deve essere selezionata l’opzione Read Only (Sola lettura) o Manage (Gestisci) nella categoria Logging Permissions (Autorizzazioni di registrazione).

  • Database SQL Server: è necessario disporre dell’accesso a SQL Server con l’autorizzazione per eliminare i record dal database. Ci sono due modi per farlo:

    • Utilizzare un accesso al database SQL Server con un ruolo del server sysadmin, che consente di eseguire qualsiasi attività sul server del database. In alternativa, i ruoli server serveradmin o setupadmin consentono di eseguire operazioni di eliminazione.

    • Se la distribuzione richiede maggiore sicurezza, utilizzare un accesso al database diverso da sysadmin mappato a un utente del database che dispone dell’autorizzazione per eliminare i record dal database.

      1. In SQL Server Management Studio, creare un accesso a SQL Server con un ruolo server diverso da “sysadmin”.
      2. Mappare l’accesso a un utente nel database. SQL Server crea automaticamente un utente nel database con lo stesso nome dell’accesso.
      3. In Database role membership (Appartenenza al ruolo di database), specificare almeno uno dei membri del ruolo per l’utente del database: ConfigurationLoggingSchema_ROLE o dbowner.

      Per ulteriori informazioni, consultare la documentazione di SQL Server Management Studio.

Per eliminare i log di configurazione:

  1. Selezionare Logging (Registrazione) nel riquadro di navigazione di Studio.
  2. Selezionare Delete logs (Elimina log) nel riquadro Actions (Azioni).
  3. Viene chiesto se si desidera creare un backup dei log prima che vengano eliminati. Se si sceglie di creare un backup, individuare la posizione in cui viene salvato l’archivio di backup. Il backup viene creato come file CSV.

Dopo aver cancellato i log di configurazione, l’eliminazione del log è la prima attività registrata nel log vuoto. Tale voce fornisce dettagli su chi ha eliminato i log e quando.