Citrix Virtual Apps and Desktops

Ottimizzazione di Microsoft Teams

Citrix offre ottimizzazione per Microsoft Teams basato su desktop utilizzando Citrix Virtual Apps and Desktops e l’app Citrix Workspace. Per impostazione predefinita, tutti i componenti necessari vengono raggruppati nell’app Citrix Workspace e nel Virtual Delivery Agent (VDA).

L’ottimizzazione di Citrix per Microsoft Teams include servizi HDX lato VDA e un’API per interfacciarsi con l’app ospitata Microsoft Teams per ricevere comandi. Questi componenti aprono un canale virtuale di controllo (CTXMTOP) verso il motore multimediale sul lato dell’app Citrix Workspace. L’endpoint decodifica i contenuti multimediali e ne esegue il provisioning localmente, spostando nuovamente la finestra dell’app Citrix Workspace nell’app Microsoft Teams ospitata.

L’autenticazione e la segnalazione si verificano in modo nativo nell’app ospitata Microsoft Teams, proprio come gli altri servizi Microsoft Teams (ad esempio chat o collaborazione). Il reindirizzamento audio/video non influisce.

CTXMTOP è un comando e un canale virtuale di controllo. Ciò significa che i contenuti multimediali non vengono scambiati tra l’app Citrix Workspace e il VDA.

È disponibile solo il recupero dal client e il rendering sul client.

Questa demo video dà un’idea di come Microsoft Teams funziona in un ambiente virtuale Citrix.

Demo sull'ottimizzazione di Microsoft Teams

Installazione di Microsoft Teams

Citrix e Microsoft consigliano di utilizzare l’ultima versione disponibile di Microsoft Teams e di mantenerla aggiornata. Le versioni dell’app desktop Microsoft Teams con date di rilascio più vecchie di 90 giorni rispetto alla data di rilascio della versione corrente non sono supportate. Le versioni dell’app desktop Microsoft Teams non supportate presentano agli utenti una pagina di blocco e richiedono di aggiornare l’app.

Per informazioni sulle ultime versioni disponibili, vedere Cronologia degli aggiornamenti per la versione dell’app Microsoft Teams (desktop e Mac).

Si consiglia di seguire le linee guida per l’installazione di Microsoft Teams a livello di macchina e di evitare di utilizzare il programma di installazione .exe che installa Microsoft Teams in AppData. Installare invece in C:\Program Files (x86)\Microsoft\Teams utilizzando il flag ALLUSER=1 dalla riga di comando.

msiexec /i <path_to_msi> /l*v <install_logfile_name> ALLUSER=1 ALLUSERS=1

In questo esempio viene utilizzato anche il parametro ALLUSERS=1. Quando si imposta questo parametro, il programma di installazione di Microsoft Teams a livello di macchina viene visualizzato in Programmi e funzionalità nel Pannello di controllo. Inoltre, in App e funzionalità nelle Impostazioni di Windows per tutti gli utenti del computer. Tutti gli utenti possono quindi disinstallare Microsoft Teams se dispongono di credenziali di amministratore.

È importante capire la differenza tra ALLUSERS=1 e ALLUSER=1. È possibile utilizzare il parametro ALLUSERS=1 in ambienti non VDI e VDI. Utilizzare il parametro ALLUSER=1 solo negli ambienti VDI per specificare un’installazione per ogni macchina.

In modalità ALLUSER=1 l’applicazione Microsoft Teams non si aggiorna automaticamente ogni volta che è disponibile una nuova versione. Questa modalità è consigliata per ambienti non persistenti, come app o desktop condivisi ospitati di Windows Server o cataloghi random/in pool di Windows 10. Per ulteriori informazioni, vedere Installare Microsoft Teams utilizzando MSI (sezione Installazione VDI).

Supponiamo che si disponga di ambienti VDI persistenti Windows 10 dedicati. Si desidera che l’applicazione Microsoft Teams si aggiorni automaticamente e si preferisce che Microsoft Teams si installi per ciascun utente in Appdata/Local. In questo caso, utilizzare il programma di installazione di .exe o il file MSI senza ALLUSER=1.

Nota:

Si consiglia di installare il VDA prima di installare Microsoft Teams nell’immagine golden. Questo ordine di installazione è necessario perché il flag ALLUSER=1 abbia effetto. Se è stato installato Microsoft Teams sulla macchina virtuale prima di installare il VDA, disinstallare e reinstallare Microsoft Teams.

Per l’accesso remoto al PC

Si consiglia di installare Microsoft Teams versione 1.4.00.22472 o successiva, dopo aver installato il VDA. In caso contrario, è necessario disconnettersi e accedere nuovamente in modo che Microsoft Teams rilevi il VDA come previsto. La versione 1.4.00.22472 e le successive includono la logica aumentata eseguita al momento dell’avvio di Microsoft Teams e il tempo di accesso per il rilevamento del VDA. Queste versioni includono anche l’identificazione del tipo di sessione attiva (HDX, RDP o connessione locale alla macchina client). Se si è connessi localmente, le versioni precedenti di Microsoft Teams potrebbero non riuscire a rilevare e disabilitare determinate funzionalità o elementi dell’interfaccia utente. Ad esempio, stanze per sottogruppi di lavoro, finestre a comparsa per riunioni e chat o reazioni alle riunioni.

Importante:

Quando si esegue il roaming da una sessione locale a una sessione HDX e Microsoft Teams viene mantenuto aperto e in esecuzione in background, è necessario uscire e riavviare Microsoft Teams per ottimizzare correttamente con HDX. Al contrario, se si utilizza Microsoft Teams in remoto tramite una sessione HDX ottimizzata, disconnettere la sessione HDX e riconnettersi alla stessa sessione di Windows localmente sul dispositivo. Quando si lavora dall’ufficio, è necessario riavviare Microsoft Teams in modo che possa rilevare correttamente lo stato del PC remoto (HDX o locale). poiché Microsoft Teams può valutare la modalità VDI solo al momento dell’avvio dell’app e non mentre è già in esecuzione in background. Senza un riavvio, Microsoft Teams potrebbe non riuscire a caricare funzionalità come finestre disancorate, stanze di lavoro o reazioni alle riunioni.

Per App Layering

Se si utilizza Citrix App Layering per gestire le installazioni di VDA e Microsoft Teams in livelli diversi, è necessario creare una nuova chiave del Registro di sistema sui VDA Windows prima di installare Microsoft Teams con il flag ALLUSER=1 dalla riga di comando. Per ulteriori informazioni, vedere la sezione Ottimizzazione per Microsoft Teams con Citrix App Layering in Multimedia.

Consigli per la gestione dei profili

Si consiglia di utilizzare il programma di installazione a livello di macchina per ambienti Windows Server e Windows 10 VDI in pool.

Quando il flag ALLUSER=1 viene trasferito all’MSI dalla riga di comando (il programma di installazione a livello di macchina), l’app Microsoft Teams viene installata in C:\Program Files (x86) (~300 MB). L’app utilizza AppData\Local\Microsoft\TeamsMeetingAddin per i log e AppData\Roaming\Microsoft\Teams (~ 600-700 MB) per configurazioni specifiche dell’utente, memorizzazione nella cache degli elementi nell’interfaccia utente e così via.

Importante:

Se non si trasferisce il flag ALLUSER=1, il file MSI inserisce il programma di installazione Teams.exe e setup.json in C:\Program Files (x86)\Teams Installer. Una chiave del Registro di sistema (TeamsMachineInstaller) viene aggiunta in: HKEY_LOCAL_MACHINE \SOFTWARE\WOW6432Node\Microsoft\Windows\CurrentVersion\Run

Un successivo accesso utente attiva invece l’installazione finale in AppData.

Programma di installazione a livello di macchina

Di seguito è riportato un esempio di cartelle, collegamenti sul desktop e chiavi del Registro di sistema creati installando il programma di installazione di Microsoft Teams a livello di macchina in una macchina virtuale Windows Server 2016 a 64 bit:

Cartella:

  • C:\Program Files (x86)\Microsoft\Teams
  • C:\Users\<username>\AppData\Roaming\Microsoft\Teams

Collegamento sul desktop:

C:\Program Files (x86)\Microsoft\Teams\current\Teams.exe

Chiavi del Registro di sistema:

  • HKEY_LOCAL_MACHINE \SOFTWARE\WOW6432Node\Microsoft\Windows\CurrentVersion\Run
  • HKEY_LOCAL_MACHINE \SOFTWARE\Microsoft\Windows\CurrentVersion\Run
  • HKEY_CURRENT_USER \SOFTWARE\Microsoft\Windows\CurrentVersion\Run
  • Nome: Teams
  • Tipo: REG_SZ
  • Valore: C:\Program Files (x86)\Microsoft\Teams\current\Teams.exe

Nota:

La posizione del Registro di sistema varia in base ai sistemi operativi sottostanti e al numero di bit.

Consigli

  • Si consiglia di disabilitare l’avvio automatico eliminando le chiavi del Registro di sistema di Microsoft Teams. Ciò impedisce che molti accessi che si verificano contemporaneamente (ad esempio, all’inizio della giornata lavorativa) sovraccarichino la CPU della VM.
  • Se il desktop virtuale non dispone di una GPU/vGPU, si consiglia di impostare l’opzione Disable GPU hardware acceleration (Disabilita l’accelerazione hardware della GPU) nelle impostazioni di Microsoft Teams per migliorare le prestazioni. Questa impostazione ("disableGpu":true) è memorizzata in %Appdata%\Microsoft\Teams in desktop-config.json. È possibile utilizzare uno script di accesso per modificare tale file e impostare il valore su true.
  • Se si utilizza Citrix Workspace Environment Management (WEM), abilitare CPU Spikes Protection (Protezione dai picchi di utilizzo della CPU) per gestire il consumo del processore per Microsoft Teams.

Programma di installazione per ciascun utente

Quando si utilizza il programma di installazione di .exe, il processo di installazione è diverso. Tutti i file sono inseriti in AppData.

Cartella:

  • C:\Users\<username>\AppData\Local\Microsoft\Teams
  • C:\Users\<username>\AppData\Local\Microsoft\TeamsPresenceAddin
  • C:\Users\<username>\AppData\Local\Microsoft\TeamsMeetingAddin
  • C:\Users\<username>\AppData\Local\SquirrelTemp
  • C:\Users\<username>\AppData\Roaming\Microsoft\Teams

Collegamento sul desktop:

C:\Users\<username>\AppData\Local\Microsoft\Teams\Update.exe --processStart "Teams.exe"

Chiavi del Registro di sistema:

HKEY_CURRENT_USER \SOFTWARE\Microsoft\Windows\CurrentVersion\Run

Procedure consigliate

I consigli sulle procedure consigliate si basano sugli scenari di utilizzo. L’utilizzo di Microsoft Teams con una configurazione non persistente richiede un gestore di memorizzazione nella cache dei profili per una sincronizzazione efficiente dei dati di runtime di Microsoft Teams. Con un gestore di memorizzazione nella cache dei profili, le informazioni appropriate specifiche dell’utente vengano memorizzate nella cache durante la sessione utente. Ad esempio, le informazioni specifiche dell’utente includono dati utente, profilo e impostazioni. Sincronizzare i dati in queste due cartelle:

  • C:\Users\<username>\AppData\Local\Microsoft\IdentityCache
  • C:\Users\<username>\AppData\Roaming\Microsoft\Teams

Elenco di esclusione dei contenuti di Microsoft Teams memorizzati nella cache per la configurazione non persistente

Escludere i file e le directory dalla cartella di memorizzazione nella cache di Microsoft Teams come descritto nella documentazione Microsoft. Questa azione consente di ridurre le dimensioni della memorizzazione nella cache dell’utente per ottimizzare ulteriormente la configurazione non persistente.

Caso d’uso: scenario con sessione singola

In questo scenario, l’utente finale utilizza Microsoft Teams in una posizione alla volta. Non è necessario eseguire Microsoft Teams in due sessioni Windows contemporaneamente. In una distribuzione di desktop virtuale comune, ogni utente viene assegnato a un desktop e Microsoft Teams viene distribuito all’interno del desktop virtuale come un’unica applicazione. Si consiglia di abilitare il contenitore Citrix Profile e di reindirizzare nel contenitore le directory per utente elencate in Per-user installer.

  1. Distribuire il programma di installazione a livello di macchina di Microsoft Teams (ALLUSER=1) nell’immagine golden.
  2. Abilitare Citrix Profile Management e configurare l’archivio dei profili utente con le autorizzazioni appropriate.
  3. Abilitare la seguente impostazione dei criteri di Profile Management (Gestione profili): File system > Synchronization (Sincronizzazione) > Profile container – List of folders to be contained in profile disk (Contenitore profilo - Elenco delle cartelle che devono essere contenute nel disco del profilo).

    Contenitore profilo

    Elencare tutte le directory per ciascun utente in questa configurazione. È anche possibile configurare queste impostazioni utilizzando il servizio Citrix WEM (Workspace Environment Management).

  4. Applicare le impostazioni al gruppo di consegna corretto.
  5. Accedere per convalidare la distribuzione.

Requisiti di sistema

Versione minima consigliata - Delivery Controller (DDC) 1906.2

Se si utilizza una versione precedente, vedere Abilitare l’ottimizzazione di Microsoft Teams:

Sistemi operativi supportati:

  • Windows Server 2022, 2019, 2016, 2012R2 edizioni Standard e per centri dati e con l’opzione Server Core

Versione minima - Virtual Delivery Agent (VDA) 1906.2

Sistemi operativi supportati:

  • Windows 11.
  • Windows 10 a 64 bit, versioni 1607 e successive. Le app ospitate da VM sono supportate nell’app Citrix Workspace per Windows 2109.1 e versioni successive.
  • Windows Server 2022, 2019, 2016 e 2012 R2 (edizioni standard e per data center).

Requisiti:

  • BCR_x64.msi: file MSI che include il codice di ottimizzazione di Microsoft Teams e viene avviato automaticamente dalla GUI. Se si utilizza l’interfaccia della riga di comando per l’installazione del VDA, non escluderlo.

Versione consigliata: versione corrente più recente dell’app Citrix Workspace per Windows e versione minima: app Citrix Workspace 1907 per Windows

  • Windows 11.
  • Windows 10 (edizioni a 32 bit e 64 bit, incluse le edizioni Embedded) (il supporto per Windows 7 è stato interrotto alla versione 2006) (il supporto per Windows 8.1 è stato interrotto alla versione 2204.1).
  • Windows 10 IoT Enterprise 2016 LTSB (v1607) e 2019 LTSC (v1809).
  • Architetture di processore (CPU) supportate: x86 e x64 (ARM non è supportato).
  • Requisiti endpoint: CPU dual core di circa 2,2-2,4 GHz in grado di supportare una risoluzione HD a 720p durante una chiamata in videoconferenza peer-to-peer.
  • CPU dual o quad-core con velocità base più basse (~1,5 GHz) dotate di Intel Turbo Boost o AMD Turbo Core con possibile aumento fino ad almeno 2,4 GHz.
  • Thin client HP verificati: t630/t640, t730/t740, mt44/mt45.
  • Thin client Dell verificati: 5070, 5470 Mobile TC e AIO.
  • Thin Client 10ZiG verificati: 4510 e 5810q.
  • Per un elenco completo degli endpoint verificati, vedere Thin client.
  • L’app Citrix Workspace richiede almeno 600 MB di spazio libero su disco e 1 GB di RAM.
  • Il requisito minimo di Microsoft .NET Framework è la versione 4.8. L’app Citrix Workspace scarica e installa automaticamente .NET Framework se non è presente sul sistema.

Gli amministratori possono abilitare/disabilitare Microsoft Teams a partire dalla modalità ottimizzata modificando il criterio di ottimizzazione di Teams. Gli utenti che iniziano in modalità ottimizzata nell’app Citrix Workspace non possono di disabilitare Microsoft Teams.

Versione minima: app Citrix Workspace 2006 per Linux

Per ulteriori informazioni, vedere Ottimizzazione per Microsoft Teams nella documentazione dell’app Citrix Workspace per Linux.

Software:

  • GStreamer 1.0 o versione successiva o Cairo 2
  • libc++-9.0 o versioni successive
  • libgdk 3.22 o versione successiva
  • OpenSSL 1.1.1d
  • Distribuzione Linux x64

Hardware:

  • CPU dual-core da almeno 1,8 GHz in grado di supportare una risoluzione HD a 720p durante una chiamata in videoconferenza peer-to-peer
  • CPU dual o quad-core con una velocità base di 1,8 GHz e un’alta velocità Intel Turbo Boost di almeno 2,9 GHz

Per un elenco completo degli endpoint verificati, vedere Thin client.

Per ulteriori informazioni, vedere Prerequisiti per installare l’app Citrix Workspace.

È possibile disabilitare l’ottimizzazione di Microsoft Teams aggiornando il valore del campo VDWEBRTC su Off nel file /opt/Citrix/ICAClient/config/module.ini. Il valore predefinito è VDWEBRTC=On. Una volta completato l’aggiornamento, riavviare la sessione. (è richiesta l’autorizzazione root).

Versione minima: app Citrix Workspace 2012 per Mac

Sistemi operativi supportati:

  • macOS Catalina (10.15).
  • macOS Big Sur 11.0.1 e versione successiva.
  • macOS Monterey.

Funzionalità supportate:

  • Audio
  • Video
  • Ottimizzazione della condivisione dello schermo (in entrata e in uscita)

Nota:

L’app Citrix Viewer richiede l’accesso alle preferenze di sicurezza e privacy di macOS perché la condivisione dello schermo possa funzionare. Gli utenti configurano questa preferenza accedendo al menu Apple > Preferenze di sistema > Sicurezza e privacy > scheda Privacy > Registrazione dello schermo e selezionando Citrix Viewer.

L’ottimizzazione di Microsoft Teams funziona per impostazione predefinita con l’app Citrix Workspace 2012 o versioni successive e macOS 10.15.

Se si desidera disabilitare l’ottimizzazione di Microsoft Teams, eseguire questo comando nel terminale e riavviare l’app Citrix Workspace:

defaults write com.citrix.receiver.nomas mtopEnabled -bool NO

Versione minima: l’ultima versione dell’app Citrix Workspace per Chrome OS in esecuzione sull’ultima versione di Chrome OS

Hardware:

  • Processori che funzionano alla pari o meglio di Intel i3, quad core da 2,4 GHz.

Funzionalità supportate:

  • Audio
  • Video
  • Ottimizzazione della condivisione dello schermo (in entrata e in uscita): disabilitata per impostazione predefinita. Consultare queste impostazioni per istruzioni su come abilitarla.

Scalabilità di un singolo server

Questa sezione fornisce consigli e indicazioni su come stimare il numero di utenti o macchine virtuali (VM) che possono essere supportati su un singolo host fisico. Questo è comunemente indicato come Scalabilità per server singolo di Citrix Virtual Apps and Desktops (SSS). Nel contesto di Citrix Virtual Apps (CVA) o della virtualizzazione delle sessioni, è anche comunemente noto come densità degli utenti. L’idea è scoprire quanti utenti o quante macchine virtuali possono essere eseguiti su un singolo componente hardware che esegue un hypervisor principale.

Nota:

Questa sezione include una guida per stimare l’SSS. Tenere presente che la guida è di alto livello e potrebbe non essere necessariamente specifica per la propria situazione o il proprio ambiente specifico. L’unico modo per comprendere veramente l’SSS di Citrix Virtual Apps and Desktops è utilizzare uno strumento di test di scalabilità o carico come Login VSI. Citrix consiglia di utilizzare questa guida e queste semplici regole per stimare rapidamente solo l’SSS. Tuttavia, Citrix consiglia di utilizzare Login VSI o lo strumento di test di carico preferito per convalidare i risultati, soprattutto prima di acquistare hardware o prendere decisioni finanziarie.

Hardware (sistema in prova)

  • Dell PowerEdge R740
  • Intel Xeon (Gold) 6126 a 2,60 GHz (max Turbo 3,70 GHz), 12 core per socket, doppio socket con Hyperthreading abilitato
  • 382 GB di RAM
  • Archiviazione RAID 0 SSD locale (11 dischi) 6 TB

Software

Una singola macchina virtuale (40 processori logici) con Windows 2019 (TSVDA) che esegue Citrix Virtual Apps and Desktops 2106 VMware ESXi 6.7

Terminologia

  • Carico di lavoro del lavoratore della conoscenza: include Acrobat Reader, Freemind/Java, Photo Viewer, Edge e app MS Office come Excel, Outlook, PowerPoint e Word.
  • Baseline: test di scalabilità server eseguiti con il carico di lavoratore della conoscenza (senza Microsoft Teams)
  • Carico di lavoro di Microsoft Teams: carico di lavoro tipico dei lavoratori della conoscenza + Microsoft Teams

Come Microsoft Teams viene sottoposto a test di stress

  • Microsoft Teams è ottimizzato con HDX. Pertanto, tutta l’elaborazione multimediale viene scaricata sull’endpoint o sul client e non fa parte della misurazione.
  • Tutti i processi di Microsoft Teams si sono arrestati o interrotti prima dell’inizio
  • Aprire Microsoft Teams (avvio a freddo).
  • Misurare il tempo impiegato da Microsoft Teams per caricare e catturare l’attenzione della finestra principale di Microsoft Teams.
  • Passare alla finestra di chat usando i tasti di scelta rapida.
  • Passare alla finestra del calendario usando i tasti di scelta rapida.
  • Inviare il messaggio di chat a un utente specifico utilizzando le scorciatoie da tastiera.
  • Passare alla finestra di Microsoft Teams utilizzando le scorciatoie da tastiera

Risultati

  • Impatto sulla scalabilità del 40% con Microsoft Teams Workload (81 utenti) rispetto a Baseline (137 utenti).
  • L’aumento della capacità del server di circa il 40% (in CPU) ripristina il numero di utenti come con il carico di lavoro Baseline.
  • 20% di memoria extra richiesta con Microsoft Teams Workload, rispetto a Baseline.
  • Aumento delle dimensioni di archiviazione per utente di 512-1024 MB.
  • circa il 50% di incremento in scrittura IOPS, circa il 100% di incremento nelle letture IOPS. Microsoft Teams può avere un impatto significativo in ambienti con archiviazione più lenta.

Supporto delle funzionalità e versioni supportate

Funzionalità Microsoft Teams (versione minima) VDA (versione minima) App Citrix Workspace per Windows CR App Citrix Workspace per Windows 1912 LTSR (e CU1-CU4) App Citrix Workspace per Windows 1912 CU5 App Citrix Workspace per Windows 1912 CU6 (o versione successiva) App Citrix Workspace per Mac App Citrix Workspace per Linux App Citrix Workspace per Chrome OS
Audio/Video (P2P e conferenza) versione attuale meno 90 giorni 1906 1907 2009 2004 2105.5
Condivisione dello schermo Versione attuale meno 90 giorni 1906 1907 2012 2006 2105.5 (1)
i. Indicatore schermo Bordo rosso Versione attuale meno 90 giorni 1906 2002 2012 2006 No
ii. Limita l’acquisizione in Desktop Viewer Versione attuale meno 90 giorni 1906 2009.5 No 2012 2006 No
iii. Multimonitor Versione attuale meno 90 giorni 1906 2106 (2) No No Sì (2) 2106 2106 No
DTMF Versione attuale meno 90 giorni N/A 2102 No Sì (5) Sì (5) 2101 2101 2111.1
Supporto per server proxy Versione attuale meno 90 giorni N/A 2012 (3) No Sì (3) (5) Sì (3) (5) 2104 (4) 2101 (4) No
Condivisione di app Versione attuale meno 90 giorni 2109 2109.1 No No No 2203.1 No No
Sottotitoli live Versione attuale meno 90 giorni N/A (7) 2109.1 No No No 2109 2109 No
e911 dinamico Versione attuale meno 90 giorni N/A 2112.1 No No No 2112 2112 2112
Dare/richiedere il controllo Versione attuale meno 90 giorni N/A 2112.1 No No No 2203.1 No No
Multifinestra 1.5.00.11865 2112 2112.1 No No No 2203.1 2203 No
Trascrizioni delle riunioni Versione attuale meno 90 giorni 2112.1 2112 No No No 2203.1 2203 No
Sfocatura dello sfondo Versione attuale meno 90 giorni 2112 2207 No No No No No No
  1. Disabilitato per impostazione predefinita, richiede l’abilitazione da parte dell’amministratore.
  2. Visualizzatore CD solo in modalità a schermo intero. MAIUSC+F2 non supportato.
  3. Negotiate/Kerberos, NTLM, Basic e Digest. Sono supportati anche i file Pac.
  4. Solo anonimo.
  5. Solo su Windows 10, sistema operativo client Windows IoT.
  6. Funzionalità attualmente non disponibili in Microsoft Teams. Per informazioni sulla data di pubblicazione, passare a www.microsoft.com e cercare la roadmap di Microsoft 365.
  7. Se VDA è 2112 o superiore, Live Captions funzionerà solo se la versione dell’app Citrix Workspace è 2203.1 per MAC e 2203 Linux o 2112 per Windows. Questo perché Live Captions si comporta in modo diverso se Microsoft Teams è in modalità interfaccia utente a finestra singola o multifinestra.

Nota:

Tutte le funzionalità elencate nell’app Citrix Workspace per Windows 1912 CU6 (o versione successiva) sono applicabili all’app Citrix Workspace per Windows 2203.1 LTSR CU1.

Abilitare l’ottimizzazione di Microsoft Teams

Per abilitare l’ottimizzazione per Microsoft Teams, utilizzare i criteri di gestione della console descritti nel criterio di reindirizzamento di Microsoft Teams. Questo criterio è ON (attivato) per impostazione predefinita. Oltre all’abilitazione di questo criterio, HDX verifica che la versione dell’app Citrix Workspace corrisponda almeno alla versione minima richiesta. Se il criterio è stato abilitato e la versione dell’app Citrix Workspace è supportata, la chiave del Registro di sistema HKEY_CURRENT_USER\Software\Citrix\HDXMediaStream\MSTeamsRedirSupport viene impostata automaticamente su 1 sul VDA. Microsoft Teams legge la chiave per caricarsi in modalità VDI.

Nota:

Se si utilizzano VDA versione 1906.2 o successiva con versioni precedenti del controller (ad esempio, versione 7.15) che non dispongono del criterio disponibile in Manage console (Gestione console) (Studio), il VDA può comunque essere ottimizzato. L’ottimizzazione HDX per Microsoft Teams è abilitata per impostazione predefinita nel VDA.

Se si fa clic su About (Informazioni) > Version (Versione), viene visualizzata la legenda Citrix HDX Optimized (Ottimizzato per Citrix HDX):

Leganda Optimized for Citrix (Ottimizzato per Citrix)

Se viene visualizzato il messaggio Citrix HDX Not Connected (Citrix HDX non connesso), l’API Citrix viene caricata in Microsoft Teams. Il caricamento dell’API è il primo passo verso il reindirizzamento. Ma c’è un errore nelle parti successive dello stack. L’errore è molto probabilmente nei servizi VDA o nell’app Citrix Workspace.

Legenda Not optimized for Citrix (Non ottimizzato per Citrix)

Se non viene visualizzata alcuna legenda, Microsoft Teams non è riuscito a caricare l’API Citrix. Uscire da Microsoft Teams facendo clic con il pulsante destro del mouse sull’icona dell’area di notifica e riavviare l’applicazione. Assicurarsi che il criterio Manage console (Gestisci console) non sia impostato su Prohibited (Non consentito) e che la versione dell’app Citrix Workspace sia supportata.

Nessuna legenda Citrix

Importante: riconnessioni di sessione

  • Potrebbe essere necessario riavviare Microsoft Teams per ottenere una sessione ottimizzata per HDX quando la connettività cambia. Ad esempio, se si sta eseguendo il roaming da un endpoint non supportato (app Workspace per iOS, Android o versioni precedenti di Windows/Linux/Mac) a uno supportato (app Workspace per Windows/Linux/Mac/ChromeOS/HTML5) o nella direzione opposta.
  • Un rilancio di Microsoft Teams è necessario anche se è stata installata l’app utilizzando il programma di installazione .exe di Microsoft Teams nel VDA. Il programma di installazione .exe è consigliato per le distribuzioni VDI persistenti. In questi casi, Microsoft Teams può aggiornarsi automaticamente mentre la sessione HDX è in stato disconnesso. Pertanto, gli utenti che si riconnettono a una sessione HDX trovano che l’esecuzione di Microsoft Teams non è ottimizzata.
  • Quando si passa da una sessione locale a una sessione HDX, si deve riavviare Microsoft Teams per l’ottimizzazione con HDX. Questa azione è necessaria in uno scenario di accesso remoto al PC.

Requisiti di rete

Microsoft Teams si affida ai server del processore di contenuti multimediali di Microsoft 365 per riunioni o chiamate con più partecipanti. Inoltre, Microsoft Teams si basa sui relè di trasporto di Microsoft 365 per questi scenari:

  • Due peer in una chiamata point-to-point non hanno connettività diretta
  • Un partecipante non dispone di connettività diretta al processore multimediale.

Di conseguenza, l’integrità della rete tra il peer e il cloud di Microsoft 365 determina le prestazioni della chiamata. per linee guida dettagliate sulla pianificazione della rete, fare riferimento all’articolo Principi di connettività di rete di Microsoft 365.

Si consiglia di valutare l’ambiente per identificare eventuali rischi e requisiti che possono influenzare la distribuzione globale di voce e video nel cloud. Utilizzare lo strumento di valutazione della rete Skype for Business per verificare se la rete è pronta per Microsoft Teams. Per informazioni sull’assistenza, vedere Supporto.

Riepilogo delle principali raccomandazioni di rete per il traffico RTP (Real Time Protocol)

  • Connettersi alla rete di Microsoft 365 il più direttamente possibile dalla filiale.
  • Pianificare e fornire una larghezza di banda sufficiente presso la filiale.
  • Verificare la connettività e la qualità della rete di ogni filiale.
  • Se è necessario utilizzare uno dei seguenti elementi presso la filiale, assicurarsi che il traffico RTP/UDP (gestito da HdxRtcEngine.exe nell’app Citrix Workspace) non sia ostacolato.
    • Ignorare i server proxy
    • Intercettazione SSL di rete
    • Dispositivi di ispezione profonda dei pacchetti
    • Hairpin VPN (utilizzare lo split tunneling se possibile)

Importante: configurazione VPN Split tunnel

Il traffico di HdxRtcEngine.exe deve essere deviato dal tunnel VPN e autorizzato a utilizzare la connessione Internet locale dell’utente per connettersi direttamente al servizio. Il modo in cui ciò viene realizzato varia a seconda del prodotto VPN e della piattaforma della macchina utilizzata, ma la maggior parte delle soluzioni VPN consente una semplice configurazione dei criteri per applicare questa logica. Per ulteriori informazioni sulla guida allo split tunnelling specifico per la piattaforma VPN, vedere questo articolo Microsoft.

Il motore multimediale WebRTC nell’app Workspace (HdxRtcEngine.exe) utilizza il protocollo SRTP (Secure Real-Time Transport Protocol) per i flussi multimediali di cui viene eseguito l’offloading nel client. SRTP assicura riservatezza e autenticazione all’RTP. Per questa funzione, vengono utilizzate le chiavi simmetriche (negoziate con DTLS) per crittografare i media e controllare i messaggi utilizzando il cifrario di crittografia AES.

Le seguenti metriche sono consigliate per un’esperienza utente positiva:

Metrica Endpoint a Microsoft 365
Latenza (a senso unico) < 50 msec
Latenza (RTT) < 100 msec
Perdita di pacchetti <1% durante ogni intervallo di 15 secondi
Jitter inter-arrivo dei pacchetti <30 ms durante ogni intervallo di 15 secondi

Per ulteriori informazioni, vedere Preparare la rete dell’organizzazione per Microsoft Teams.

Per quanto riguarda i requisiti di larghezza di banda, l’ottimizzazione per Microsoft Teams può utilizzare un’ampia gamma di codec per audio (OPUS/G.722/PCM G711) e video (H264).

I peer negoziano questi codec durante il processo di creazione delle chiamate utilizzando l’offerta/risposta SDP (Session Description Protocol). Le raccomandazioni minime di Citrix per utente sono:

Tipo Larghezza di banda Codec
Audio (tutte le direzioni) ~ 90 kbps G.722
Audio (tutte le direzioni) ~ 60 kbps Opus*
Video (tutte le direzioni) ~ 700 kbps H264 360p @ 30 fps 16:9
Condivisione dello schermo ~ 300 kbps H264 1080p @ 15 fps

* Opus supporta la codifica dei bitrate costante e variabile da 6 kbps fino a 510 kbps.

Opus e H264 sono i codec preferiti per le chiamate peer-to-peer e in conferenza.

Importante:

Per quanto riguarda le prestazioni, la codifica è più costosa della decodifica per l’uso della CPU sul computer client. È possibile codificare la massima risoluzione di codifica nell’app Citrix Workspace per Linux e Windows. Vedere Stima delle prestazioni dell’encoder e Ottimizzazione per Microsoft Teams.

Server proxy

A seconda della posizione del proxy, considerare quanto segue:

  • Configurazione proxy sul VDA:

    Se si configura un server proxy esplicito nel VDA e si instradano le connessioni all’host locale tramite un proxy, il reindirizzamento non riesce. Per configurare correttamente il proxy, è necessario selezionare l’impostazione Bypass proxy servers for local address (Ignora i server proxy per l’indirizzo locale) in Opzioni Internet > Connessioni > Impostazioni LAN > Server proxy e ignorare 127.0.0.1:9002.

    Se si utilizza un file PAC, lo script di configurazione del proxy VDA del file PAC deve restituire DIRECT per wss://127.0.0.1:9002. In caso contrario, l’ottimizzazione non riesce. Per assicurarsi che lo script restituisca DIRECT, utilizzare shExpMatch(url, "wss://127.0.0.1:9002/*").

  • Configurazione proxy sull’app Citrix Workspace:

    Se la filiale è configurata per accedere a Internet tramite un proxy, queste versioni supportano i server proxy:

    • App Citrix Workspace per Windows versione 2012 (Negotiate/Kerberos, NTLM, Basic e Digest; sono supportati anche i file Pac)
    • App Citrix Workspace per Windows versione 1912 CU5 (Negotiate/Kerberos, NTLM, Basic e Digest. Sono supportati anche i file Pac)
    • App Citrix Workspace per Linux versione 2101 (autenticazione anonima)
    • App Citrix Workspace per Mac versione 2104 (autenticazione anonima)

I dispositivi client con versioni precedenti dell’app Citrix Workspace non possono leggere le configurazioni proxy. Questi dispositivi inviano il traffico direttamente ai server TURN di Microsoft 365.

Importante:

  • Verificare che il dispositivo client possa connettersi al server DNS per effettuare le risoluzioni DNS. Un dispositivo client deve essere in grado di risolvere i seguenti FQDN del server Microsoft Teams Relay:
    • worldaz.relay.teams.microsoft.com
    • inaz.relay.teams.microsoft.com
    • uaeaz.relay.teams.microsoft.com
    • euaz.relay.teams.microsoft.com
    • usaz.relay.teams.microsoft.com
    • turn.dod.teams.microsoft.us
    • turn.gov.teams.microsoft.us

Se le richieste DNS non hanno esito positivo, le chiamate P2P con utenti esterni e la creazione di supporti per le teleconferenze non riescono.

  • La posizione del server della conferenza viene selezionata in base alla posizione del desktop virtuale (non al client) del primo partecipante.

Percorsi per l’avvio di chiamate e il flusso di contenuti multimediali

Quando possibile, il motore multimediale HDX WebRTC nell’app Citrix Workspace (HdxRtcEngine.exe) tenta di stabilire una connessione SRTP (Secure Real-Time Transport Protocol) di rete diretta tramite UDP (User Datagram Protocol) in una chiamata peer-to-peer. Se le porte UDP alte sono bloccate, il motore multimediale torna a TCP/TLS 443.

Il motore multimediale HDX supporta ICE, STUN (Session Traversal Utilities for NAT) e TURN (Traversal Using Relays around NAT) per individuare candidati e stabilire connessioni. Questo supporto significa che l’endpoint deve essere in grado di eseguire risoluzioni DNS.

Si consideri uno scenario in cui non esiste un percorso diretto tra i due peer o tra un peer e un server di conferenza e si sta partecipando a una chiamata o a una riunione con più parti. HdxRtcEngine.exe utilizza un relé server di trasporto Microsoft Teams in Microsoft 365 per raggiungere l’altro peer o il processore multimediale, dove sono ospitate le riunioni. Il computer client deve avere accesso a tre intervalli di indirizzi IP di subnet di Microsoft 365 e quattro porte UDP (o TCP/TLS 443 come fallback se UDP è bloccato). Per ulteriori informazioni, vedere il diagramma Architettura in Configurazione delle chiamate e URL di Office 365 e intervalli di indirizzi IP ID 11.

ID Categoria Indirizzi Porte di destinazione
11 Ottimizzazione richiesta 13.107.64.0/18, 52.112.0.0/14, 52.120.0.0/14 UDP: 3478, 3479, 3480, 3481, TCP: 443 (fallback)

Questi intervalli includono sia i relè di trasporto che i processori multimediali, con un sistema di bilanciamento del carico di Azure come front-end. I relè di trasporto di Microsoft Teams forniscono funzionalità STUN e TURN, ma non sono endpoint ICE. Inoltre, i relè di trasporto di Microsoft Teams non interrompono gli elementi multimediali o TLS e non eseguono alcuna transcodificazione. Possono collegare TCP (se HdxRtcEngine.exe utilizza TCP) a UDP quando inoltrano il traffico ad altri peer o processori multimediali.

Il motore multimediale WebRTC dell’app Workspace contatta il relè di trasporto di Microsoft Teams più vicino nel cloud di Microsoft 365. Il motore multimediale utilizza IP anycast e le porte UDP 3478-3481 (porte UDP diverse per carico di lavoro, anche se può verificarsi il multiplexing) o 443 TCP/TLS per i fallback. La qualità delle chiamate dipende dal protocollo di rete sottostante. Poiché UDP è sempre consigliato su TCP, si consiglia di progettare le reti in modo da supportare il traffico UDP nella filiale.

Se Microsoft Teams è stato caricato in modalità ottimizzata e HdxRtcEngine.exe è in esecuzione sull’endpoint, gli errori ICE potrebbero causare un errore di configurazione delle chiamate o audio/video monodirezionale. Quando una chiamata non può essere completata o i flussi multimediali non sono full duplex, controllare prima la traccia Wireshark sull’endpoint. Per ulteriori informazioni sul processo di raccolta dei candidati ICE, vedere “Raccolta dei log” nella sezione Supporto.

Nota:

Se gli endpoint non hanno accesso a Internet, potrebbe comunque essere possibile per gli utenti effettuare una chiamata peer-to-peer se si trovano entrambi sulla stessa LAN. Non è possibile tenere riunioni. In questo caso, c’è un timeout di 30 secondi prima dell’inizio della configurazione della chiamata.

Configurazione delle chiamate

Utilizzare questo diagramma di architettura come riferimento visivo per la sequenza del flusso di chiamata. I passaggi corrispondenti sono indicati nel diagramma.

Architettura

Come funziona l'ottimizzazione per Microsoft Teams

  1. Avviare Microsoft Teams.
  2. Microsoft Teams si autentica in O365. I criteri tenant vengono spostati al client Microsoft Teams e le informazioni pertinenti relative a TURN e al canale di segnalazione vengono inoltrate all’app.
  3. Microsoft Teams rileva che è in esecuzione in un VDA ed effettua chiamate API all’API JavaScript Citrix.
  4. Il JavaScript Citrix in Microsoft Teams apre una connessione WebSocket sicura a WebSocketService.exe in esecuzione sul VDA, che genera WebSocketAgent.exe all’interno della sessione utente.
  5. WebSocketAgent.exe crea un’istanza di un canale virtuale generico chiamando il servizio di reindirizzamento di Microsoft Teams Citrix HDX (CtxSvcHost.exe).
  6. wfica32.exe (motore HDX) dell’app Citrix Workspace genera un nuovo processo chiamato HdxRtcEngine.exe, che è il nuovo motore WebRTC utilizzato per l’ottimizzazione di Microsoft Teams.
  7. Il motore multimediale Citrix e Teams.exe hanno un percorso di canale virtuale a 2 vie e possono iniziare a elaborare le richieste multimediali.

    —–Chiamate dell’utente——

  8. Il peer A fa clic sul pulsante di chiamata. Teams.exe comunica con i servizi Microsoft Teams in Microsoft 365 stabilendo un percorso di segnalazione end-to-end con il peer B. Microsoft Teams chiede a HdxRtcEngine una serie di parametri di chiamata supportati (codec, risoluzioni e così via, questo è noto come offerta SDP [Session Description Protocol]). Questi parametri di chiamata vengono quindi inoltrati utilizzando il percorso di segnalazione ai servizi Microsoft Teams in Microsoft 365 e da lì all’altro peer.
  9. L’offerta/risposta SDP (negoziazione a passaggio singolo) avviene attraverso il canale di segnalazione e vengono completati i controlli di connettività ICE (attraversamenti NAT e firewall utilizzando le richieste di associazione STUN). Quindi, i contenuti multimediali SRTP (Secure Real-time Transport Protocol) vanno direttamente da HdxRtcEngine.exe all’altro peer e viceversa (o i Conference Server Microsoft 365 se si tratta di una riunione).

Microsoft Phone System

Phone System è la tecnologia Microsoft che consente il controllo delle chiamate e PBX nel cloud di Microsoft 365 con Microsoft Teams. L’ottimizzazione per Microsoft Teams supporta Phone System, utilizzando i piani di chiamata di Microsoft 365 o il routing diretto. Con il routing diretto è possibile connettere il session border controller supportato da Microsoft Phone System direttamente senza alcun software locale aggiuntivo. Sono supportati code di chiamata, trasferimento, inoltro, messa in pausa, disattivazione dell’audio e ripresa di una chiamata.

DTMF

La funzione DTMF (Dual Tone Multi Frequency) è supportata con queste versioni dell’app Citrix Workspace (e versione successiva):

  • App Citrix Workspace per Windows versione 2102
  • App Citrix Workspace per Windows LTSR 1912 CU5 (solo sistema operativo Windows 10)
  • App Citrix Workspace per Linux versione 2101
  • App Citrix Workspace per Mac versione 2101
  • App Citrix Workspace per Chrome OS versione 2111.1

Supporto per e911 dinamico

A partire dalla versione 2112, l’app Citrix Workspace supporta le chiamate di emergenza dinamiche. Se utilizzato in Microsoft Calling Plans, Operator Connect e Direct Routing, consente di eseguire le seguenti operazioni:

  • Configurare e indirizzare le chiamate di emergenza.
  • Informare il personale di sicurezza.

La notifica viene fornita in base alla posizione corrente dell’app Citrix Workspace in esecuzione sull’endpoint, anziché sul client Microsoft Teams in esecuzione sul VDA.

La legge di Ray Baum richiede che la posizione inviabile della persona che chiama il 911 sia trasmessa al Public Safety Answering Point (PSAP) appropriato. L’ottimizzazione di Microsoft Teams con HDX è conforme alla legge di Ray Baum se utilizzata con le seguenti versioni dell’app Citrix Workspace:

  • App Citrix Workspace per Windows versione 2112.1 e successiva
  • App Citrix Workspace per Linux versione 2112 e successiva
  • App Citrix Workspace per Mac versione 2112 e successiva
  • App Citrix Workspace per Chrome OS versione 2112 e successiva

Per abilitare le chiamate di emergenza dinamiche, l’amministratore deve utilizzare l’interfaccia di amministrazione di Microsoft Teams e configurare quanto segue per creare una mappa della posizione di rete o di emergenza:

  • Impostazioni di rete
  • Servizio informazioni sulla posizione (LIS)

Per ulteriori informazioni sulle chiamate di emergenza dinamiche, vedere la documentazione di Microsoft.

Le informazioni sulla posizione inviabili che l’app Citrix Workspace inoltra a Microsoft Teams sono:

  • ID chassis/ID porta utilizzando il Link Layer Discovery Protocol (LLDP) per le connessioni Ethernet/Switch. Ethernet/Switch (LLDP) è supportato su:

    • Versioni Windows 8.1 e 10
    • macOS, che richiede il software di abilitazione LLDP. Per scaricare il software di abilitazione LLDP, passare a www.microsoft.com e cercare il software di abilitazione LLDP.
    • Linux, che richiede che la libreria LLDP sia inclusa nella distribuzione del sistema operativo (OS) del Thin Client.
  • WLAN BBSID e {IPv4-IPv6; Subnet; MAC Address} dell’endpoint in cui è installata l’app Citrix Workspace.
    • Le posizioni basate su subnet e WiFi sono supportate nell’app Workspace per Windows, Linux e Mac.
  • Latitude e Longitude, se l’autorizzazione dell’utente è concessa a livello di sistema operativo in cui è installata l’app Citrix Workspace (l’autorizzazione è impostata su HDX RTC Engine)
    • Funzionalità supportata su tutte le piattaforme app Workspace. Tuttavia, in Citrix Workspace for Linux, è necessario includere la libreria libgps nella distribuzione del sistema operativo del Thin Client (>sudo apt-get install libgps-dev gpsd lldpd).

Considerazioni sul firewall

Quando gli utenti avviano una chiamata ottimizzata utilizzando il client Microsoft Teams per la prima volta, potrebbero notare un avviso nelle impostazioni del firewall di Windows. L’avviso richiede agli utenti di consentire la comunicazione per HdxTeams.exe o HdxRtcEngine.exe (HDX Overlay Microsoft Teams).

Avviso del firewall

Le quattro voci seguenti vengono aggiunte in Regole in entrata nella console Windows Defender Firewall > Sicurezza avanzata. Se si desidera, è possibile applicare regole più restrittive.

Regole in ingresso del firewall

Coesistenza di Microsoft Teams e Skype for Business

È possibile distribuire Microsoft Teams e Skype for Business fianco a fianco, come due soluzioni separate con funzionalità sovrapposte. Per ulteriori informazioni, vedere Comprendere la coesistenza e l’interoperabilità di Microsoft Teams e Skype for Business.

Citrix RealTime Optimization Pack e l’ottimizzazione HDX per i motori multimediali di Microsoft Teams rispettano quindi la configurazione impostata nell’ambiente. Gli esempi includono le modalità isola e Skype for Business con la collaborazione in Microsoft Teams. Inoltre, Skype for Business con la collaborazione e le riunioni di Microsoft Teams.

L’accesso alle periferiche può essere concesso solo a una singola applicazione alla volta. Ad esempio, l’accesso alla webcam da parte di RealTime Media Engine durante una chiamata blocca il dispositivo di imaging durante una chiamata. Quando il dispositivo viene rilasciato, diventa disponibile per Microsoft Teams.

Coesistenza tra Microsoft Teams e Skype

Citrix SD-WAN: connettività di rete ottimizzata per Microsoft Teams

La qualità audio e video ottimale richiede una connessione di rete al cloud di Microsoft 365 con bassa latenza, basso jitter e bassa perdita di pacchetti. Il backhauling del traffico RTP audio-video di Microsoft Teams dagli utenti dell’app Citrix Workspace nelle sedi delle filiali a un centro dati prima del passaggio a Internet può aggiungere latenza eccessiva. Potrebbe anche causare congestione sui collegamenti WAN. Citrix SD-WAN ottimizza la connettività per Microsoft Teams seguendo i principi di connettività di rete di Microsoft 365. Citrix SD-WAN utilizza l’indirizzo IP e il servizio web di Microsoft 365 basati su Microsoft REST e il DNS di prossimità. Tutto questo serve a identificare, classificare e indirizzare il traffico di Microsoft Teams.

Le connessioni a Internet aziendali a banda larga in molte zone soffrono di perdite intermittenti di pacchetti, periodi di jitter eccessivo e interruzioni.

Citrix SD-WAN offre due soluzioni per preservare la qualità audio-video di Microsoft Teams quando lo stato della rete è variabile o degradato.

  • Se si utilizza Microsoft Azure, un’appliance virtuale Citrix SD-WAN (VPX) distribuita nella rete virtuale di Azure fornisce ottimizzazioni di connettività avanzate. Queste ottimizzazioni includono il failover dei collegamenti senza soluzione di continuità e il racing dei pacchetti audio.
  • I clienti Citrix SD-WAN possono connettersi a Microsoft 365 tramite il servizio Citrix Cloud Direct. Questo servizio offre una consegna affidabile e sicura per tutto il traffico collegato a Internet.

Se la qualità della connessione internet della filiale non è un problema, potrebbe essere sufficiente per ridurre al minimo la latenza. Indirizzare il traffico di Microsoft Teams direttamente dall’appliance della filiale Citrix SD-WAN alla porta principale di Microsoft 365 più vicina per ridurre al minimo la latenza. Per ulteriori informazioni, vedere Ottimizzazione di Citrix SD-WAN Office 365.

Citrix SD-WAN

Riunioni e chat con più finestre

È possibile utilizzare più finestre di riunione o chat per Microsoft Teams in Windows. Per informazioni dettagliate sulla funzionalità pop-out, vedere You can use multiple meetings or chat windows for Microsoft Teams in Windows sul sito di Microsoft 365.

Nota:

Questa funzione è supportata con l’app Citrix Workspace per Windows 2112.1, Mac 2203, Linux 2203 e VDA 2112.

Sfocatura dello sfondo

L’app Citrix Workspace per Windows ora supporta la sfocatura dello sfondo e gli effetti presenti nell’ottimizzazione di Microsoft Teams con HDX.

Ora è possibile sfocare lo sfondo o sostituirlo con un’immagine predefinita ed evitare distrazioni impreviste aiutando la conversazione a rimanere concentrata sulla silhouette (corpo e viso). La funzione può essere utilizzata sia con P2P che con le chiamate in conferenza.

Nota:

Questa funzionalità è ora integrata con i pulsanti dell’interfaccia utente di Microsoft Teams. Il supporto MultiWindow è un prerequisito che richiede un aggiornamento del VDA alla versione 2112 o superiore. CWA 2207 è necessario affinché il controllo dell’interfaccia utente funzioni da Microsoft Teams. Per ulteriori informazioni, vedere Riunioni e chat con più finestre.

Limitazioni:

  • La sfocatura dello sfondo o la sua sostituzione con immagini predefinite di Microsoft Teams è supportata solo per i client Windows.
  • La sostituzione dell’immagine di sfondo definita dall’amministratore e dall’utente non è supportata nell’interfaccia utente di Teams. Le immagini di sfondo personalizzate possono essere configurate utilizzando le impostazioni del Registro di sistema HKCU sul client, purché l’immagine sia memorizzata anche sull’endpoint.
  • L’effetto applicato allo sfondo non persiste tra una sessione desktop e le successive. Quando si chiude e si riavvia Microsoft Teams o viene ricollegato il VDA, l’effetto applicato allo sfondo viene reimpostato su disattivato.
  • Dopo che la sessione ICA è stata ricollegata, l’effetto viene disattivato. Tuttavia, l’interfaccia utente di Microsoft Teams mostra che l’effetto precedente è ancora impostato su Attivo con un segno di spunta. Citrix e Microsoft stanno collaborando per risolvere questo problema.
  • Il dispositivo client deve essere connesso a Internet mentre si sostituisce l’immagine di sfondo con un’immagine predefinita di Teams.

Impostazione di un’immagine di sfondo

Sono necessarie solo le seguenti chiavi del Registro di sistema:

  • se non si prevede di utilizzare l’interfaccia utente di Teams per controllare la funzione, oppure
  • se un amministratore desidera ignorare i comportamenti predefiniti.

Ad esempio, è possibile disabilitare la sfocatura dello sfondo quando l’endpoint non è abbastanza potente.

Per impostare un’immagine di sfondo personalizzata, gli amministratori o gli utenti finali devono configurare la seguente chiave del Registro di sistema sul client/endpoint:

Posizione:HKEY_CURRENT_USER\SOFTWARE\Citrix\HDXMediaStream

  • Nome: VideoBackgroundEffect
  • Tipo: DWORD
  • Valore: 0 (disabilitato), 1 (abilitato), 2 (sostituzione immagine di sfondo)

Il valore impostato su 1 sfocerà lo sfondo.

Il valore impostato su 2 richiede anche la presenza della chiave VideoBackgroundImage. La chiave seguente è necessaria solo se si desidera sostituire l’immagine di sfondo e non per la sfocatura:

  • Nome: VideoBackgroundImage
  • Tipo: REG_SZ
  • Valore: my_image_name.jpeg

L’immagine di sfondo video deve essere presente nella directory C:\Program Files (x86)\Citrix\ICA Client.

Questa configurazione del Registro di sistema può essere utilizzata anche per abilitare la sfocatura dello sfondo o la sostituzione dell’immagine nell’app Citrix Workspace 2206 senza il selettore dell’interfaccia utente di Teams. In altre parole, se l’ambiente o il VDA non supporta più finestre, è comunque possibile applicare la soluzione alternativa del registro HKCU con l’app Citrix Workspace 2206 o superiore per ottenere un risultato simile, sebbene l’utente non possa controllare la funzionalità durante la sessione HDX o della chiamata Teams.

Le modifiche delle chiavi di registro hanno effetto solo quando la sessione HDX si connette.

Sfocatura dello sfondo/en-us/citrix-virtual-apps-desktops/media/background_blurring_1.png

Sfocatura dello sfondo/en-us/citrix-virtual-apps-desktops/media/background_blurring_2.png

Considerazioni sul consumo di CPU client

Sebbene la funzionalità non sfrutti eccessivamente la CPU, ci si può aspettare un aumento dei consumi. Ad esempio, su un thin client con chip Intel® Pentium® Silver 4 Core da 1,5 GHz con TurboBoost fino a 2,8 GHz, la sfocatura dello sfondo aggiunge circa il 2% all’utilizzo della CPU. L’utilizzo medio della CPU era inferiore al 20%.

Visualizzazione Raccolta e altoparlanti attivi in Microsoft Teams

Microsoft Teams supporta i layout Gallery (Galleria), Large gallery (Galleria ampia) e la modalità Together (Insieme).

Microsoft Teams visualizza una griglia 2x2 con flussi video di quattro partecipanti (nota come Gallery [Galleria]). In questo caso, Microsoft Teams invia quattro flussi video al dispositivo client per la decodifica. Quando più di quattro partecipanti condividono video, sullo schermo appaiono solo gli ultimi quattro partecipanti che hanno parlato di più.

Microsoft Teams fornisce inoltre un’ampia vista galleria con una griglia fino a 7x7. Di conseguenza, il Conference Server di Microsoft Teams combina un singolo feed video e lo invia al dispositivo client per la decodifica, con conseguente riduzione del consumo della CPU. Questo feed singolo in stile matrice potrebbe includere anche il video con anteprima automatica degli utenti.

Infine, Microsoft Teams supporta la modalità Together (Insieme), che fa parte della nuova esperienza di riunione. Utilizzando la tecnologia di segmentazione IA per posizionare digitalmente i partecipanti in un background condiviso, Microsoft Teams mette tutti i partecipanti nello stesso auditorium.

L’utente può controllare queste modalità durante una chiamata in conferenza selezionando i layout Gallery (Galleria), Large gallery (Galleria ampia) o la modalità Together (Insieme) nel menu con i tre puntini.

Layout video

Supporto per le limitazioni delle proporzioni video (CWA per Windows 2102, CWA per Linux 2106, CWA per MAC 2106 o versione superiore):

  • L’opzione Fill to frame (Riempi inquadratura) è disponibile nelle viste Gallery (Galleria)/Large Gallery (Galleria ampia). Questa opzione ritaglia le dimensioni del video per adattarlo alla sottofinestra. Fit to frame (Adatta all’inquadratura), invece, visualizza barre nere (formato 16:9) sui lati del video in modo che non ci siano ritagli.

La tabella seguente fornisce un confronto tra i layout Gallery (Galleria) e Large gallery (Galleria ampia):

  Vista Gallery (Galleria) 2x2 (impostazione predefinita) Vista Large Gallery (Galleria ampia)
Layout/Griglia Visualizza una griglia 2x2 con flussi video di quattro partecipanti. Sullo schermo vengono visualizzati solo gli ultimi quattro altoparlanti più attivi e gli altri partecipanti non appaiono sulla griglia. Visualizza una griglia 7x7 con flussi video di 49 partecipanti.
Tecnica di mixing Un router multimediale inoltra i singoli flussi di ciascun partecipante a ogni utente. Un server centrale per conferenze mixa e transcodifica tutto l’audio o il video per creare un layout composito su misura per ogni partecipante. Questa azione introduce una certa latenza aggiuntiva.
Altoparlante attivo Il nuovo altoparlante attivo sostituisce l’altoparlante meno attivo nella griglia. Visualizza tutti i partecipanti indipendentemente dal fatto che siano attivi o inattivi.
Codifica in corrispondenza dell’endpoint Un unico flusso video di qualità. È possibile impostare il valore di risoluzione della codifica sul client. Per ulteriori informazioni, vedere Stima delle prestazioni dell’encoder e Ottimizzazione per Microsoft Teams. La qualità è definita come risoluzione e fotogrammi al secondo. Attualmente, il video simulcast non è supportato. Un unico flusso video di qualità. È possibile impostare il valore di risoluzione della codifica sul client. Per ulteriori informazioni, vedere Stima delle prestazioni dell’encoder e Ottimizzazione per Microsoft Teams.
Decodifica in corrispondenza dell’endpoint Ogni partecipante riceve fino a quattro flussi multimediali individuali. Ciò aumenta il consumo di CPU nell’endpoint di HdxRtcEngine.exe (per decodifica/rendering). Ogni partecipante riceve un solo flusso per audio e video. Questa impostazione riduce il consumo di CPU nell’endpoint.
Risoluzione massima 720p. Quando quattro partecipanti condividono video, la risoluzione massima è di 360p per feed video. Se meno di quattro partecipanti condividono video, la risoluzione per feed video potrebbe essere più alta. 720p per il layout composito o il mixaggio. Non è necessario un flusso video di alta qualità per partecipante in un layout composito. A causa di questa condizione, ogni mittente riduce la risoluzione o la velocità in bit di caricamento.
Problema di “utente lento” Il mittente modifica la qualità di ciascuna modalità (audio/video/condivisione dello schermo) sulla qualità di rete più bassa comune tra i partecipanti. Questo flusso multimediale viene quindi inoltrato a tutti gli altri partecipanti. Di conseguenza, un partecipante con cattive condizioni di rete influisce sulla qualità di tutti gli altri partecipanti alla chiamata. Meno suscettibile allo scenario di qualità della rete più bassa comune. Il server per conferenze offre qualità diverse in base alle condizioni di rete dei singoli partecipanti.
Anteprima automatica L’utente viene visualizzato in una piccola miniatura in tempo reale. L’utente viene visualizzato in una miniatura e mescolato con il resto dei feed video. Di conseguenza, l’utente potrebbe vedersi incluso nel layout del video principale con un ritardo aggiuntivo.

Condivisione dello schermo in Microsoft Teams

Microsoft Teams si basa sulla condivisione dello schermo basata su video (VBSS), codificando essenzialmente il desktop condiviso con codec video come H264 e creando un flusso ad alta definizione. Con l’ottimizzazione HDX, la condivisione dello schermo in entrata viene considerata come un flusso video.

A partire dall’app Citrix Workspace 2109 o superiore per Windows, Linux o Mac, gli utenti possono condividere contemporaneamente schermi e videocamere.

Con le versioni precedenti, se ci si trova nel mezzo di una videochiamata e l’altro peer inizia a condividere il desktop, il feed video della videocamera originale viene sospeso. Viene invece visualizzato il feed video per la condivisione dello schermo. Il peer deve quindi riprendere manualmente la condivisione della videocamera.

Nota per PowerPoint Live

Questa limitazione non esiste se si condividono contenuti da PowerPoint Live. In tal caso, gli altri colleghi possono ancora vedere la webcam e i contenuti e navigare avanti e indietro per esaminare altre diapositive. In questo scenario, le diapositive vengono renderizzate sul VDA. Per accedere a una presentazione PowerPoint Live, fare clic sul pulsante del pannello di condivisione e selezionare una delle diapositive di PowerPoint suggerite, oppure fare clic su “Sfoglia” e trovare un file PowerPoint sul proprio computer o in OneDrive.

Anche la condivisione dello schermo in uscita è ottimizzata e assegnata all’app Citrix Workspace. In questo caso, il motore multimediale acquisisce e trasmette solo la finestra Citrix Desktop Viewer (CDViewer.exe), con un bordo rosso disegnato all’intorno. Qualsiasi applicazione locale che si sovrappone a Desktop Viewer non viene acquisita.

Nota

Impostare autorizzazioni specifiche nell’app Citrix Workspace per Mac per abilitare la condivisione dello schermo. Per ulteriori informazioni, vedere Requisiti di sistema.

Multimonitor

Se Desktop Viewer (CDViewer.exe) è in modalità a schermo intero e si estende a configurazioni multi-monitor, l’app Citrix Workspace 2106 o versione successiva (Windows/Linux/Mac) consente al selettore dello schermo di selezionare il monitor da condividere.

Limitazione nota:

  • Se Desktop Viewer è disabilitato o se viene utilizzato Desktop Lock, la selezione multimonitor non è disponibile nel selettore dello schermo di Microsoft Teams. Desktop Viewer potrebbe essere disabilitato modificando il modello di file .ICA o StoreFront web.config. Il tasto di scelta rapida MAIUSC+F2 non è compatibile con la condivisione dello schermo multimonitor.
  • Nelle versioni dell’app Workspace precedenti alla 2106, viene condiviso solo il monitor principale. Trascinare l’applicazione nel desktop virtuale sul monitor principale in modo che l’altro peer nella chiamata la veda.
  • La condivisione dello schermo multimonitor potrebbe non funzionare se si configura l’app Citrix Workspace con la funzionalità di layout del monitor virtuale (partizione logica di un singolo monitor fisico). In questo caso, tutti i monitor virtuali vengono condivisi come immagine composita.
  • Le versioni precedenti dell’app Citrix Workspace per Windows (dalla 1907 alla 2008) condividono anche un’applicazione locale che viene eseguita nel computer client. Questa condivisione è possibile solo se l’app locale è stata sovrapposta a Desktop Viewer. Questo comportamento è stato rimosso nella versione 2009.6 o superiore e nella versione 1912 CU5 o superiore.
  • Durante la condivisione dello schermo, se si passa dalla modalità finestra alla modalità a schermo intero, la condivisione dello schermo si interrompe. È necessario interrompere e condividere di nuovo affinché la condivisione dello schermo funzioni.

Condivisione dello schermo

Condivisione dello schermo da un’applicazione senza soluzione di continuità:

Se si pubblica Microsoft Teams come applicazione autonoma senza soluzione di continuità, la condivisione dello schermo acquisisce il desktop locale dell’endpoint fisico. La versione minima dell’app Citrix Workspace deve essere 1909.

Condivisione di app

A partire dall’app Citrix Workspace per Windows 2112.1 e dal VDA 2112, Microsoft Teams supporta la condivisione delle app.

A partire dall’app Citrix Workspace per Windows 2109, Mac 2203 e VDA 2109, Microsoft Teams supporta la condivisione sullo schermo di app specifiche in esecuzione nella sessione virtuale. Per condividere un’app specifica:

  1. Accedere all’app Microsoft Teams nella sessione remota.
  2. Fare clic su Condividi contenuto nell’interfaccia utente di Microsoft Teams.
  3. Selezionare un’app da condividere durante la riunione. Viene visualizzato un bordo rosso intorno all’app selezionata e i partecipanti alla chiamata possono vedere l’app condivisa.

Per condividere un’altra app, fare nuovamente clic su Condividi contenuto e selezionare una nuova app.

Se si desidera disabilitare la condivisione delle app, creare la seguente chiave di registro sul VDA all’indirizzo HKLM\SOFTWARE\Citrix\Graphics: Nome: UseWsProvider Tipo: DWORD Valore: 0

Nota:

  • Se si riduce a icona un’app, Microsoft Teams visualizza l’ultima immagine dell’app condivisa. È possibile ingrandire la finestra per riprendere la condivisione dello schermo.
  • La condivisione dello schermo fa affidamento sull’acquisizione della finestra lato VDA. Il contenuto viene quindi inoltrato alla velocità massima all’app Citrix Workspace. La velocità massima è di 30 frame al secondo. L’app Citrix Workspace inoltra il contenuto ai colleghi o al server della conferenza.

Condivisione di app per Microsoft Teams

Limitazioni note della condivisione dello schermo di app specifiche:

  • Il puntatore del mouse non è visibile quando si condivide un’app sullo schermo.
  • Se si riduce a icona un’app quando la si condivide, nel selettore dello schermo viene visualizzata solo l’icona dell’app. La miniatura dell’app non viene visualizzata in anteprima nel selettore dello schermo. Non è possibile condividere il contenuto e non viene visualizzato il bordo rosso finché non si ingrandisce l’app.
  • In LAA apps è visualizzato un elenco delle app che possono essere condivise con le app desktop nel Microsoft Teams ottimizzato nel VDA. Tuttavia, quando si seleziona l’app dall’elenco, il risultato potrebbe non essere quello previsto.

Compatibilità con la protezione delle app La condivisione sullo schermo di un’app specifica è compatibile con la funzione di protezione delle app in Microsoft Teams ottimizzato per HDX. È possibile condividere lo schermo di un’app specifica, se l’app o il desktop è stato avviato da un gruppo di consegna per il quale è abilitata la protezione delle app.

Quando si fa clic su Condividi contenuto nell’interfaccia utente di Microsoft Teams, il selettore dello schermo rimuove l’opzione Desktop. È possibile selezionare l’opzione Finestra solo per condividere qualsiasi app aperta.

Nota:

Quando si avviano app o desktop da un gruppo di consegna con protezione app abilitata, non è possibile vedere il video in arrivo o la condivisione dello schermo se si utilizza l’app Workspace per Windows 2202 o versioni precedenti. Questa limitazione non è presente nell’app Workspace per Windows 2203 LTSR e versioni successive.

Dare e richiedere il controllo in Microsoft Teams

Questa funzione è supportata nelle seguenti versioni dell’app Citrix Workspace (non vi è alcuna dipendenza dalla versione del VDA o dal sistema operativo, a sessione singola o multisessione):

  • App Citrix Workspace per Windows versione 2112.1 e successiva
  • App Citrix Workspace per Mac versione 2203.1 e successiva

È possibile richiedere il controllo durante una chiamata di Microsoft Teams quando un partecipante condivide lo schermo. Una volta ottenuto il controllo, è possibile effettuare selezioni, modifiche o altre attività con tastiera e mouse sullo schermo condiviso.

Per assumere il controllo quando uno schermo viene condiviso, fare clic sul pulsante Richiedi controllo nell’interfaccia utente di Microsoft Teams. Il partecipante alla riunione che condivide lo schermo può accettare o rifiutare la richiesta.

Mentre si dispone del controllo, è possibile effettuare selezioni, modifiche e altre alterazioni nello schermo condiviso. Per queste azioni, è possibile usare sia la tastiera che il mouse. Al termine fare clic su Richiedi controllo.

Limitazioni:

I comandi Concedi controllo e Richiedi controllo non sono disponibili se l’utente sta condividendo una singola app (nota anche come condivisione app). È necessario condividere il desktop o il monitor completo.

Periferiche in Microsoft Teams

Quando l’ottimizzazione per Microsoft Teams è attiva, l’app Citrix Workspace accede alle periferiche (cuffie, microfono, videocamere, altoparlanti e così via). Quindi le periferiche vengono elencate correttamente nell’interfaccia utente di Microsoft Teams (Impostazioni > Dispositivi).

Modalità di ottimizzazione per Microsoft Teams

Microsoft Teams non accede direttamente ai dispositivi. Si basa invece sul motore multimediale WebRTC dell’app Workspace per l’acquisizione e l’elaborazione dei contenuti multimediali. Microsoft Teams elenca i dispositivi che l’utente può selezionare.

Le periferiche inserite mentre Microsoft Teams è attivo non sono selezionate per impostazione predefinita. È necessario selezionare manualmente le periferiche dalla schermata Impostazioni > Dispositivi dell’interfaccia utente di Microsoft Teams. Dopo che le periferiche sono state selezionate, Microsoft Teams ne memorizza le informazioni nella cache. Di conseguenza, le periferiche vengono selezionate automaticamente quando ci si riconnette a una sessione dallo stesso endpoint.

Raccomandazioni:

  • Cuffie certificate Microsoft Teams con cancellazione dell’eco integrata. Nelle configurazioni con periferiche aggiuntive, in cui microfono e altoparlanti si trovano su dispositivi separati, potrebbe essere presente un’eco. Un esempio è una webcam con un microfono incorporato e un monitor con altoparlanti. Quando si utilizzano altoparlanti esterni, posizionarli il più lontano possibile dal microfono. Inoltre, posizionarli lontano da qualsiasi superficie che potrebbe rifrangere il suono nel microfono. Per ulteriori informazioni, passare a www.microsoft.com e cercare le cuffie certificate Microsoft Teams.
  • Fotocamere certificate Microsoft Teams, sebbene le periferiche certificate Skype for Business siano compatibili con Microsoft Teams. Per ulteriori informazioni, passare a www.microsoft.com e cercare le fotocamere certificate Microsoft Teams e le periferiche certificate Skype for Business.
  • Il motore multimediale dell’app Citrix Workspace non può sfruttare l’offload della CPU con webcam che eseguono la codifica H.264 on-board UVC 1.1 e 1.5.

Nota:

L’app Workspace 2009.6 per Windows è ora in grado di acquisire periferiche con formati audio a 24 bit o con frequenze superiori a 96 kHz.

HdxTeams.exe (nell’app Citrix Workspace per Windows 2009 o versioni precedenti) supporta solo questi formati specifici dei dispositivi audio (canali, profondità di bit e frequenza di campionamento):

  • Dispositivi di riproduzione: fino a 2 canali, 16 bit, frequenze fino a 96.000 Hz
  • Dispositivi di registrazione: fino a 4 canali, 16 bit, frequenze fino a 96.000 Hz

Anche se un solo altoparlante o microfono non corrisponde alle impostazioni previste, l’enumerazione dei dispositivi in Microsoft Teams non va a buon fine e viene visualizzato Nessuno in Impostazioni > Dispositivi. I log Webrpc in HdxTeams.exe mostrano questo tipo di informazioni:

Mar 27 20:58:22.885 webrtcapi.WebRTCEngine Info: init. initializing...

Mar 27 20:58:23.190 webrtcapi.WebRTCEngine Error: init. couldn't create audio module!

Come soluzione alternativa, disabilitare il dispositivo specifico oppure:

  1. Aprire Audio nel Pannello di controllo (mmsys.cpl).
  2. Selezionare il dispositivo di riproduzione o registrazione.
  3. Andare a Proprietà > Avanzate e modificare le impostazioni su una modalità supportata.

Modalità di fallback

Se Microsoft Teams non riesce a caricarsi in modalità VDI ottimizzata (“Citrix HDX Not Connected” [Citrix HDX non connesso] in Teams/Informazioni/Versione), il VDA torna a utilizzare le tecnologie HDX legacy. Le tecnologie HDX legacy potrebbero essere il reindirizzamento della webcam e il reindirizzamento del microfono e dell’audio del client. Se si utilizza una versione dell’app Workspace/un sistema operativo della piattaforma che non supporta l’ottimizzazione di Microsoft Teams, le chiavi del Registro di sistema di fallback non si applicano. In modalità di fallback, le periferiche sono mappate al VDA. Le periferiche vengono visualizzate nell’app Microsoft Teams come se fossero collegate localmente al desktop virtuale.

Ora è possibile controllare granularmente il meccanismo di fallback impostando le chiavi del Registro di sistema nel VDA. Per informazioni, vedere Modalità di fallback di Microsoft Teams nell’elenco delle funzionalità gestite tramite il Registro di sistema.

Questa funzionalità richiede Microsoft Teams versione 1.3.0.13565 o successiva.

Per determinare se si è in modalità ottimizzata o non ottimizzata quando si esamina la scheda Impostazioni > Dispositivi nell’app Microsoft Teams, la differenza più significativa è il nome della videocamera. Se Microsoft Teams è stato caricato in modalità non ottimizzata, vengono avviate le tecnologie HDX legacy. Il nome della webcam presenta il suffisso Citrix HDX, come mostrato nell’immagine seguente. I nomi dell’altoparlante e del microfono potrebbero essere leggermente diversi (o troncati) rispetto alla modalità ottimizzata.

Modalità di non ottimizzazione per Microsoft Teams

Quando vengono utilizzate tecnologie HDX legacy, Microsoft Teams non esegue l’offload dell’elaborazione di audio, video e condivisione dello schermo nel motore multimediale WebRTC dell’app Citrix Workspace dell’endpoint. Le tecnologie HDX utilizzano invece il rendering lato server. È previsto un elevato consumo di CPU sul VDA quando viene attivato il video. Le prestazioni audio in tempo reale potrebbero non essere ottimali.

Limitazioni note

Limitazioni Citrix

Limitazioni sull’app Citrix Workspace:

  • Pulsanti HID: risposta e fine chiamata non sono supportati. I tasti per abbassare e alzare il volume sono supportati.
  • Le impostazioni QoS nell’interfaccia di amministrazione per Microsoft Teams non sono valide per gli utenti VDI.
  • Gli utenti non possono acquisire schermate dei contenuti di Teams se utilizzano uno strumento di cattura su VDA. Solo se utilizzato sul lato client, il contenuto può essere catturato.

Limitazione sul VDA:

  • Quando si configura l’impostazione High DPI (DPI elevato) dell’app Citrix Workspace su Yes (Sì), la finestra video reindirizzata non è nella posizione corretta. Questa limitazione si verifica quando il fattore di ridimensionamento DPI del monitor è impostato su un valore superiore al 100%

Limitazioni sull’app Citrix Workspace e sul VDA:

  • È possibile controllare il volume di una chiamata ottimizzata solo utilizzando la barra del volume sul computer client, non sul VDA.

Limitazioni Microsoft

  • La vista galleria 3x3 non è supportata. Dipendenza di Microsoft Teams: contattare Microsoft per sapere quando sarà disponibile la griglia 3x3.
  • L’interoperabilità con Skype for Business è limitata alle chiamate audio, nessuna modalità video.
  • La risoluzione massima del flusso video in entrata e in uscita è 720p.
  • Il tono di suoneria delle chiamate PSTN non è supportato.
  • Il bypass dei contenuti multimediali per il routing diretto non è supportato.
  • I ruoli di produttore e presentatore di eventi broadcast e live non sono supportati. Il ruolo di partecipante è supportato ma non ottimizzato (viene invece eseguito il rendering sul VDA).
  • La funzione zoom avanti e zoom indietro in Microsoft Teams non è supportata.
  • Il routing basato sulla posizione e il bypass dei supporti non sono supportati.
  • L’integrità delle chiamate non è disponibile.
  • Le sale di breakout sono supportate per i partecipanti VDI. Microsoft Teams non supporta le sale di breakout se l’organizzatore è un utente VDI.
  • L’unione delle chiamate non è supportata (opzione non visualizzata nell’interfaccia utente).

Limitazioni Citrix e Microsoft

  • Quando si esegue la condivisione dello schermo, l’opzione Includi audio di sistema non è disponibile.
  • Simulcast non è disponibile.
  • La suoneria secondaria (Teams > Impostazioni > Dispositivi) non è supportata.
  • Le opzioni per sfocare o personalizzare lo sfondo non sono ancora supportate sui client Mac e Linux.

Informazioni aggiuntive