Citrix Virtual Apps and Desktops

Gestire i cataloghi di macchine

Introduzione

È possibile aggiungere o rimuovere macchine da un catalogo di macchine, rinominare, modificare la descrizione o gestire gli account computer Active Directory di un catalogo.

La manutenzione dei cataloghi può anche includere la verifica che ogni computer disponga degli ultimi aggiornamenti del sistema operativo. Questi comprendono aggiornamenti degli antivirus, aggiornamenti del sistema operativo o modifiche alla configurazione.

  • I cataloghi contenenti macchine casuali raggruppate create utilizzando Machine Creation Services (MCS) gestiscono le macchine aggiornando l’immagine master utilizzata nel catalogo e quindi aggiornando le macchine. Questo metodo consente di aggiornare in modo efficiente un gran numero di macchine utente.
  • Per le macchine create utilizzando Citrix Provisioning, gli aggiornamenti alle macchine vengono propagati attraverso il disco virtuale. Per ulteriori informazioni, vedere la documentazione di Citrix Provisioning.
  • Per i cataloghi contenenti macchine statiche assegnate in modo permanente e per i cataloghi di macchine con accesso remoto al PC, è possibile gestire gli aggiornamenti alle macchine degli utenti al di fuori di Studio. Eseguire questa attività singolarmente o collettivamente utilizzando strumenti di distribuzione software di terze parti.

Per informazioni sulla creazione e la gestione delle connessioni agli hypervisor host, vedere Connessioni e risorse.

Nota:

MCS non supporta Windows 10 IoT Core e Windows 10 IoT Enterprise. Per ulteriori informazioni, fare riferimento al sito Microsoft.

Informazioni sulle istanze persistenti

Quando si aggiorna un catalogo MCS creato utilizzando istanze permanenti o dedicate, tutte le nuove macchine create per il catalogo utilizzano l’immagine aggiornata. Le istanze preesistenti continuano a utilizzare l’istanza originale. Il processo di aggiornamento di un’immagine viene eseguito allo stesso modo per qualsiasi altro tipo di catalogo. Considerare quanto segue:

  • Nel caso dei cataloghi dei dischi persistenti, le macchine preesistenti non vengono aggiornate alla nuova immagine, ma tutte le nuove macchine aggiunte al catalogo utilizzano la nuova immagine.
  • Nel caso dei cataloghi di dischi non persistenti, l’immagine del computer viene aggiornata alla successiva reimpostazione del computer.
  • Nel caso dei cataloghi di computer persistenti, l’aggiornamento dell’immagine aggiorna anche le istanze del catalogo che la utilizzano.
  • Nel caso dei cataloghi che non persistono, se si desidera utilizzare immagini diverse per macchine diverse, le immagini devono risiedere in cataloghi separati.

Prima di iniziare:

  • Assicurarsi che l’host di virtualizzazione disponga di processori, memoria e archiviazione sufficienti per ospitare i computer aggiuntivi.
  • Assicurarsi di disporre di un numero sufficiente di account computer Active Directory inutilizzati. Se si utilizzano account esistenti, il numero di computer che è possibile aggiungere è limitato dal numero di account disponibili.
  • Se si utilizza Studio per creare account computer Active Directory per i computer aggiuntivi, è necessario disporre dell’autorizzazione di amministratore di dominio appropriata.

Per aggiungere macchine a un catalogo:

  1. Selezionare Machine Catalogs nel riquadro di navigazione di Studio.
  2. Selezionare un catalogo di macchine, quindi selezionare Add machines nel riquadro Actions.
  3. Selezionare il numero di macchine virtuali da aggiungere.
  4. Se gli account Active Directory esistenti non sono sufficienti per il numero di macchine virtuali che si stanno aggiungendo, selezionare il dominio e il percorso in cui vengono creati gli account. Specificare uno schema di denominazione degli account, utilizzando i marcatori hash per indicare dove compaiono numeri o lettere sequenziali. Non utilizzare una barra (/) in un nome di unità organizzativa. Un nome non può iniziare con un numero. Ad esempio, uno schema di denominazione PC-Vendite-## (in cui è selezionato 0-9) genera account computer denominati PC-Vendite-01, PC-Vendite-02, PC-Vendite-03 e così via.
  5. Se si utilizzano account Active Directory esistenti, selezionare gli account oppure fare clic su Import e specificare un file CSV contenente i nomi di account. Assicurarsi che ci siano account sufficienti per tutte le macchine che si stanno aggiungendo. Studio gestisce questi account. Consentire a Studio di reimpostare le password per tutti gli account o specificare la password dell’account, che deve essere la stessa per tutti gli account.

Le macchine vengono create come processo in background e la creazione di molte macchine può richiedere molto tempo. La creazione delle macchine continua anche se si chiude Studio.

Dopo aver eliminato un computer da un catalogo di macchine, gli utenti non possono più accedervi, quindi prima di eliminare un computer, assicurarsi che si verifichino le seguenti condizioni:

  • I dati utente sono stati sottoposti a backup o non sono più necessari.
  • Tutti gli utenti sono disconnessi. L’attivazione della modalità di manutenzione impedisce la creazione di nuovi collegamenti a una macchina.
  • Le macchine sono spente.

Per eliminare macchine da un catalogo:

  1. Selezionare Machine Catalogs nel riquadro di navigazione di Studio.
  2. Selezionare un catalogo, quindi selezionare View Machines nel riquadro Actions.
  3. Selezionare uno o più computer, quindi selezionare Delete nel riquadro Actions.

Scegliere se eliminare le macchine che vengono rimosse. Se si sceglie di eliminare i computer, indicare se gli account di Active Directory per tali computer vengono mantenuti, disabilitati o eliminati.

Modificare la descrizione di un catalogo o modificare le impostazioni di Accesso remoto PC

  1. Selezionare Machine Catalogs nel riquadro di navigazione di Studio.
  2. Selezionare un catalogo, quindi selezionare Edit Machine Catalog (Modifica catalogo macchine) nel riquadro Actions.
  3. Per il catalogo Accesso remoto PC, utilizzare la pagina Power Management per modificare le impostazioni di gestione dell’alimentazione e selezionare una connessione di gestione dell’alimentazione. Nella pagina Organizational Units aggiungere o rimuovere le unità organizzative di Active Directory.
  4. Nella pagina Description modificare la descrizione del catalogo.
  1. Selezionare Machine Catalogs nel riquadro di navigazione di Studio.
  2. Selezionare un catalogo, quindi selezionare Rename Machine Catalog nel riquadro Actions.
  3. Immettere il nuovo nome.

Spostare un catalogo in una zona diversa

Se la distribuzione contiene più di una zona, è possibile spostare un catalogo da una zona all’altra.

Lo spostamento di un catalogo in una zona diversa, che non sia l’hypervisor contenente le macchine virtuali del catalogo, influisce sulle prestazioni.

  1. Selezionare Machine Catalogs nel riquadro di navigazione di Studio.
  2. Selezionare un catalogo, quindi selezionare Move nel riquadro Actions.
  3. Selezionare la zona in cui si desidera spostare il catalogo.

Prima di eliminare un catalogo, assicurarsi che si verifichino le seguenti condizioni:

  • Tutti gli utenti sono disconnessi e non sono in esecuzione sessioni disconnesse.
  • La modalità di manutenzione è attivata per tutte le macchine del catalogo, in modo che non sia possibile effettuare nuove connessioni.
  • Tutte le macchine nel catalogo sono spente.
  • Il catalogo non è associato a un gruppo di consegna. In altre parole, il gruppo di consegna non contiene macchine del catalogo.

Per eliminare un catalogo:

  1. Selezionare Machine Catalogs nel riquadro di navigazione di Studio.
  2. Selezionare un catalogo, quindi selezionare Delete Machine Catalog nel riquadro Actions.
  3. Indicare se le macchine incluse nel catalogo vengono eliminate. Se si sceglie di eliminare i computer, indicare se gli account computer di Active Directory per tali macchine vengono mantenuti, disabilitati o eliminati.

Per gestire gli account Active Directory in un catalogo di macchine, è possibile:

  • Liberare gli account macchina inutilizzati rimuovendo gli account computer Active Directory dai cataloghi di sistemi operativi a sessione singola e multisessione. Questi account possono quindi essere utilizzati per altre macchine.
  • Aggiungere account in modo che quando più computer vengono aggiunti al catalogo, gli account computer siano già presenti. Non utilizzare una barra (/) in un nome di unità organizzativa.

Per gestire gli account Active Directory:

  1. Selezionare Machine Catalogs nel riquadro di navigazione di Studio.
  2. Selezionare un catalogo e quindi selezionare Manage AD accounts (Gestisci account AD) nel riquadro Actions.
  3. Scegliere se aggiungere o eliminare account computer. Se si aggiungono account, specificare cosa fare con le password degli account: reimpostarle tutte o immettere una password valida per tutti gli account.

    È possibile reimpostare le password se non si conoscono le password dell’account correnti; è necessario disporre dell’autorizzazione per eseguire la reimpostazione delle password. Quando si immette una password, la password viene modificata negli account man mano che vengono importati. Quando si elimina un account, scegliere se l’account in Active Directory viene mantenuto, disattivato o eliminato.

Indicare se gli account di Active Directory vengono mantenuti, disattivati o eliminati quando si rimuovono macchine da un catalogo o si elimina un catalogo.

Consigliamo di salvare copie o istantanee delle immagini master prima di aggiornare le macchine incluse nel catalogo. Il database conserva una cronologia delle immagini master utilizzate con ogni catalogo macchine. Eseguire il rollback o ripristinare le macchine di un catalogo per utilizzare la versione precedente dell’immagine master. Eseguire questa attività se gli utenti riscontrano problemi con gli aggiornamenti distribuiti sui loro desktop. Ciò riduce al minimo i tempi di inattività dell’utente. Non eliminare, spostare o rinominare le immagini master. Non è possibile ripristinare un catalogo per utilizzarle.

Per i cataloghi che utilizzano Citrix Provisioning (in precedenza Provisioning Services), è necessario pubblicare un nuovo disco virtuale per applicare le modifiche al catalogo. Per ulteriori informazioni, vedere la documentazione di Citrix Provisioning.

Dopo l’aggiornamento, il computer viene riavviato automaticamente.

Aggiornare o creare un’immagine master

Prima di aggiornare il catalogo delle macchine, aggiornare un’immagine master esistente o crearne una nell’hypervisor host.

  1. Nell’hypervisor, scattare un’istantanea della macchina virtuale corrente e assegnare all’istantanea un nome significativo. Questa istantanea può essere utilizzata per ripristinare (rollback) le macchine incluse nel catalogo, se necessario.
  2. Se necessario, accendere l’immagine master ed effettuare l’accesso.
  3. Installare gli aggiornamenti o apportare le modifiche necessarie all’immagine master.
  4. Spegnere la macchina virtuale.
  5. Creare un’istantanea della macchina virtuale. Assegnare un nome significativo che venga riconosciuto quando il catalogo viene aggiornato in Studio. Sebbene Studio sia in grado di creare un’istantanea, Citrix consiglia di crearla utilizzando la console di gestione dell’hypervisor. Quindi selezionare l’istantanea in Studio. Questo processo consente di fornire un nome e una descrizione significativi anziché un nome generato automaticamente. Per le immagini master GPU, è possibile modificare l’immagine master solo tramite la console Citrix Hypervisor.

Per preparare l’aggiornamento e implementarlo in tutte le macchine di un catalogo:

  1. Selezionare Machine Catalogs nel riquadro di navigazione di Studio.
  2. Selezionare un catalogo e quindi selezionare Update Machines nel riquadro Actions.
  3. Nella pagina Master Image selezionare l’host e l’immagine che si desidera implementare.
  4. Nella pagina Rollout Strategy (Strategia di rollout) scegliere quando le macchine nel catalogo macchine devono essere aggiornate con la nuova immagine master: al successivo spegnimento o immediatamente.
  5. Verificare le informazioni nella pagina Summary e quindi fare clic su Finish. Ogni computer si riavvia automaticamente dopo l’aggiornamento.

Quando si aggiorna un catalogo utilizzando direttamente PowerShell SDK anziché Studio, specificare un modello di hypervisor (VMTemplates). Usalo come alternativa a un’immagine o a un’istantanea di un’immagine.

Strategia di rollout:

L’aggiornamento dell’immagine al successivo arresto avrà effetto immediato su tutti i computer non attualmente in uso, ovvero i computer che non hanno una sessione utente attiva. Un sistema in uso riceve l’aggiornamento al termine della sessione attiva corrente. Considerare quanto segue:

  • Le nuove sessioni non possono essere avviate fino al completamento dell’aggiornamento sui computer applicabili.
  • Le macchine con sistema operativo a sessione singola vengono immediatamente aggiornate quando la macchina non è in uso o quando gli utenti non hanno effettuato l’accesso.
  • In un sistema operativo multisessione, i riavvii non vengono eseguiti automaticamente. Le macchine devono essere spente e riavviate manualmente.

Suggerimento:

Limitare il numero di macchine da riavviare utilizzando le impostazioni avanzate per una connessione host. Utilizzare queste impostazioni per modificare le azioni eseguite in un determinato catalogo. Le impostazioni avanzate variano a seconda dell’hypervisor.

Se si sceglie di aggiornare immediatamente l’immagine, configurare un tempo di distribuzione e notifiche.

  • Tempo di distribuzione: scegliere di aggiornare tutti i computer contemporaneamente o specificare il periodo di tempo totale per iniziare l’aggiornamento di tutte le macchine incluse nel catalogo. Un algoritmo interno determina quando ogni computer viene aggiornato e riavviato durante tale intervallo.
  • Notification: nel menu a discesa di notifica a sinistra, scegliere se visualizzare un messaggio di notifica sui computer prima dell’inizio di un aggiornamento. Per impostazione predefinita, non viene visualizzato alcun messaggio. Scegliere di visualizzare un messaggio 15 minuti prima dell’inizio dell’aggiornamento. Oppure scegliere di ripetere il messaggio ogni cinque minuti dopo il messaggio iniziale. Per impostazione predefinita, il messaggio non viene ripetuto. A meno che non si scelga di aggiornare tutti i computer contemporaneamente, il messaggio di notifica viene visualizzato su ogni computer al momento appropriato prima dell’inizio dell’aggiornamento.

Effettuare il rollback di un aggiornamento

Dopo aver distribuito un’immagine master aggiornata/nuova, è possibile eseguire il rollback. Questo processo potrebbe essere necessario se si verificano problemi nei computer appena aggiornati. Quando si esegue il rollback, le macchine incluse nel catalogo vengono ripristinate all’ultima immagine funzionante. Tutte le nuove funzionalità che richiedono l’immagine più recente non sono più disponibili. Come per il rollout, il rollback di un computer include un riavvio.

  1. Selezionare Machine Catalogs nel riquadro di navigazione di Studio.
  2. Selezionare il catalogo e quindi selezionare Rollback machine update (Rollback dell’aggiornamento macchina) nel riquadro Actions.
  3. Specificare quando applicare l’immagine master precedente alle macchine, come descritto nella sezione precedente per l’operazione di rollout.

Il rollback viene applicato solo alle macchine che devono essere ripristinate. I computer che non sono stati aggiornati con l’immagine master nuova/aggiornata non ricevono messaggi di notifica e non sono obbligati a scollegarsi.

Aggiornare un catalogo o annullare un aggiornamento

Aggiornare il catalogo macchine dopo l’aggiornamento dei VDA sui computer a una versione più recente. Citrix consiglia di aggiornare tutti i VDA alla versione più recente per consentire l’accesso a tutte le funzionalità più recenti.

Prima di aggiornare un catalogo:

  • Se si utilizza Citrix Provisioning, aggiornare la versione del VDA. La console di provisioning non conserva la versione del VDA. Citrix Provisioning comunica direttamente con l’installazione guidata di Citrix Virtual Apps and Desktops per impostare la versione del VDA nel catalogo creato.

  • Avviare le macchine aggiornate in modo che si registrino con il Controller. Questo processo consente a Studio di determinare che le macchine nel catalogo devono essere aggiornate.

Per aggiornare un catalogo:

  1. Selezionare Machine Catalogs nel riquadro di navigazione di Studio.
  2. Selezionare il catalogo. La scheda Details nel riquadro inferiore visualizza le informazioni sulla versione.
  3. Selezionare Upgrade Catalog (Aggiorna catalogo). Se Studio rileva che il catalogo deve essere aggiornato, viene visualizzato un messaggio. Seguire le istruzioni. Se uno o più computer non possono essere aggiornati, viene visualizzato un messaggio che ne spiega il motivo. Citrix consiglia di risolvere i problemi del computer prima di aggiornare il catalogo per garantire che tutte le macchine funzionino correttamente.

Al termine dell’aggiornamento del catalogo, è possibile ripristinare le versioni VDA precedenti dei computer selezionando il catalogo e selezionando Undo (Annulla) nel riquadro Actions.

Risoluzione dei problemi

Per le macchine con stato “Stato di alimentazione sconosciuto”, vedere CTX131267 per istruzioni.