Citrix Virtual Apps and Desktops

Livello di personalizzazione utente

La funzionalità del livello di personalizzazione utente di Citrix Virtual Apps and Desktops estende le funzionalità dei cataloghi di macchine non persistenti per preservare i dati degli utenti e le applicazioni installate localmente in tutte le sessioni. Basata sulla tecnologia sottostante Citrix App Layering, la funzionalità di livello di personalizzazione utente supporta Citrix Provisioning and Machine Creation Services (MCS) in un catalogo di macchine non persistenti.

Installare i componenti del livello di personalizzazione utente insieme al Virtual Delivery Agent all’interno dell’immagine master. Un file VHD memorizza localmente le applicazioni installate dall’utente. Il disco rigido virtuale montato sull’immagine funge da disco rigido virtuale dell’utente.

Importante:

È possibile distribuire livelli di personalizzazione utente in App Citrix Virtual Apps and Desktops o livelli utente App Layering abilitati in un modello di immagine, non in entrambi. Non installare la funzionalità del livello di personalizzazione utente in un livello all’interno di App Layering.

Questa funzionalità sostituisce Personal vDisk (PvD), fornendo allo stesso tempo un’esperienza di lavoro persistente per gli utenti in un ambiente desktop non persistente in pool.

Per distribuire la funzionalità del livello di personalizzazione utente, installarla e configurarla seguendo i passaggi descritti nell’articolo. Fino a quel momento la funzione non è disponibile.

Supporto delle applicazioni

A parte le seguenti eccezioni, tutte le applicazioni installate da un utente localmente sul desktop sono supportate nel livello di personalizzazione utente.

Eccezioni

Le seguenti applicazioni fanno eccezione e non sono supportate nel livello di personalizzazione utente:

  • Applicazioni aziendali, ad esempio MS Office e Visual Studio.
  • Applicazioni che modificano lo stack di rete o l’hardware. Esempio: un client VPN.
  • Applicazioni che dispongono di driver a livello di avvio. Esempio: un programma antivirus.
  • Applicazioni con driver che utilizzano l’archivio driver. Esempio: un driver di stampante.

    Nota:

    È possibile rendere disponibili le stampanti utilizzando Oggetti Criteri di gruppo di Windows.

Non consentire agli utenti di installare applicazioni non supportate localmente. Piuttosto, installare queste applicazioni direttamente sull’immagine master.

Applicazioni che richiedono un account utente locale o amministratore

Quando un utente installa un’applicazione localmente, l’app entra nel livello utente. Se l’utente aggiunge o modifica un utente o un gruppo locale, le modifiche non persistono oltre la sessione.

Importante:

Aggiungere qualsiasi utente o gruppo locale richiesto nell’immagine master.

Requisiti

La funzionalità del livello di personalizzazione utente richiede i seguenti componenti:

  • Citrix Virtual Apps and Desktops 7 1909 o versioni successive
  • Virtual Delivery Agent (VDA), versione 1912
  • Citrix Provisioning, versione 1909 o successiva
  • Condivisione file di Windows (SMB) o File di Azure con autenticazione AD locale abilitata

È possibile distribuire la funzionalità di livello di personalizzazione utente nelle seguenti versioni di Windows quando il sistema operativo viene distribuito come singola sessione. Il supporto è limitato a un singolo utente in una singola sessione.

  • Windows 10 Enterprise x64, versione 1607 o successiva
  • Windows 10 multisessione (File di Azure supportato)
  • Windows Server 2016 (File di Azure supportato)
  • Windows Server 2019 (File di Azure supportato)

Per Citrix Virtual Apps and Desktops 7, l’uso di File di Azure con livelli di personalizzazione utente è supportato nei client Windows Server 2019, Windows Server 2016v e Windows 10.

Nota:

Il livello di personalizzazione utente è supportato solo come distribuzione VDI Server. Per i dettagli sulla distribuzione, vedere l’articoloVDI del server.

Il livello di personalizzazione utente supporta un solo utente alla volta per macchina e quindi il computer si deve riavviare per reimpostare i dischi. Non è possibile utilizzare il livello di personalizzazione utente con sistemi operativi server multisessione, ma solo con sistemi server a sessione singola. Il livello di personalizzazione utente funziona solo con desktop non persistenti.

Disinstallare la funzionalità del livello di personalizzazione utente, se installata. Riavviare l’immagine master prima di installare l’ultima versione.

Configurare la condivisione di file

La funzionalità del livello di personalizzazione utente richiede l’archiviazione SMB (Server Message Block) di Windows. Per creare una condivisione file Windows, attenersi alla procedura usuale per il sistema operativo Windows in uso.

Per altre informazioni sull’uso di File di Azure con cataloghi basati su Azure, vedere Configurare l’archiviazione di File di Azure per i livelli di personalizzazione utente.

Consigli

Seguire i suggerimenti riportati in questa sezione per una distribuzione corretta del livello di personalizzazione utente.

Soluzione di gestione dei profili

Il livello di personalizzazione utente memorizza tutte le modifiche apportate dall’utente per una singola immagine del catalogo macchine. Per aggiungere funzionalità avanzate come i dati dei profili comuni su più immagini di catalogo, Citrix consiglia anche di utilizzare Gestione profili. Per ulteriori dettagli, fare riferimento alla Documentazione sulla gestione dei profili.

Quando si utilizza Gestione profili con la funzionalità livello di personalizzazione utente, cancellare le informazioni dell’utente in caso di disconnessione. È possibile cancellare l’eliminazione utilizzando un oggetto Criteri di gruppo (GPO) o il criterio del Delivery Controller (DDC).

Per informazioni dettagliate sui criteri di gestione dei profili disponibili, vedere Descrizioni e impostazioni predefinite dei criteri di gestione dei profili.

Microsoft System Center Configuration Manager (SCCM)

Se si utilizza SCCM con la funzionalità del livello di personalizzazione utente, seguire le linee guida Microsoft per la preparazione dell’immagine in un ambiente VDI. Per ulteriori informazioni, fare riferimento a questo articolo di Microsoft TechNet.

Dimensione del livello utente

Un livello utente è un disco con thin-provisioning che si espande man mano che viene utilizzato lo spazio sul disco. La dimensione predefinita consentita per un livello utente è 10 GB, il minimo consigliato.

Nota:

Durante l’installazione, se il valore è impostato su zero (0), la dimensione del livello utente predefinita è impostata su 10 GB.

Se si desidera modificare la dimensione del livello utente, è possibile immettere un valore diverso per il criterio User Layer Size di Studio. Vedere Passaggio 5: Creare criteri personalizzati per i gruppi di consegna, in Facoltativo: fare clic su Seleziona accanto a Dimensione livello utente in GB.

Strumenti per sovrascrivere la dimensione del livello utente (facoltativo)

È possibile ignorare la dimensione del livello utente utilizzando uno strumento di Windows per definire una quota sulla condivisione file a livello utente.

Utilizzare uno dei seguenti strumenti di quota Microsoft per impostare una quota rigida nella directory del livello utente denominata Users (Utenti):

  • Gestione risorse file server (FSRM)
  • Gestione quote

Nota:

L’aumento della quota influisce sui nuovi livelli utente ed espande quelli esistenti. La diminuzione della quota influisce solo sui nuovi livelli utente. I livelli utente esistenti non diminuiscono mai di dimensioni.

Distribuire un livello di personalizzazione utente

Quando si distribuisce la funzionalità di personalizzazione utente, è possibile definirne i criteri in Studio. Assegnare quindi i criteri al gruppo di consegna associato al catalogo macchine in cui viene distribuita la funzionalità.

Se si lascia l’immagine master senza configurazione del livello di personalizzazione utente, i servizi rimangono inattivi e non interferiscono con le attività di creazione.

Se si impostano i criteri nell’immagine master, i servizi tentano di eseguire e montare un livello utente all’interno dell’immagine master. L’immagine principale mostrerebbe comportamenti inaspettati e instabilità.

Per distribuire la funzionalità del livello di personalizzazione utente, completare i passaggi seguenti nell’ordine seguente:

  • Passaggio 1: verificare la disponibilità di un ambiente Citrix Virtual Apps and Desktops.
  • Passaggio 2: Preparare l’immagine master.
  • Passaggio 3: Creare un catalogo macchine.
  • Passaggio 4: Creare un gruppo di consegna.
  • Passaggio 5: Creare criteri personalizzati per il gruppo di consegna.

Passaggio 1: Verificare che sia disponibile un ambiente Citrix Virtual Apps and Desktops

Assicurarsi che il proprio ambiente Citrix Virtual Apps and Desktops sia disponibile per l’utilizzo con questa nuova funzionalità. Per informazioni dettagliate sull’installazione, vedere Installare e configurare Citrix Virtual Apps and Desktops.

Passaggio 2: Preparare l’immagine master

Per preparare l’immagine master:

  1. Individuare l’immagine master. Installare le applicazioni aziendali dell’organizzazione e tutte le altre app che gli utenti generalmente trovano utili.

  2. Se si sta distribuendo Server VDI, attenersi alla procedura descritta nell’articolo VDI del server. Assicurarsi di includere il componente facoltativo, il livello di personalizzazione utente. Per ulteriori informazioni, vedere la Opzioni della riga di comando per l’installazione di un VDA.

  3. Se si utilizza Windows 10, installare Virtual Delivery Agent (VDA) 1912. Se è già installata una versione precedente del VDA, disinstallare prima la versione precedente. Quando si installa la nuova versione, assicurarsi di selezionare e installare il componente opzionale, Citrix User Personalization Layer, come segue:

    1. Fare clic sul riquadro Virtual Delivery Agent for Windows Desktop OS:

    VDA per sistema operativo Windows Desktop

    1. Environment (Ambiente): selezionare Create a master MCS image (Crea un’immagine MCS master) o Create a master image using Citrix Provisioning or third-party provisioning tools (Creare un’immagine master utilizzando Citrix Provisioning o strumenti di provisioning di terze parti).

    Creare un'immagine master

    1. Core components (Componenti principali): fare clic su Next.

    2. Additional components (Componenti aggiuntivi): inserire un segno di spunta in Citrix User Personalization Layer.

    Creare un'immagine master

    1. Fare clic sulle schermate di installazione rimanenti, configurando il VDA in base alle esigenze, e fare clic su Install. L’immagine si riavvia una o più volte durante l’installazione.
  4. Lasciare disabilitata l’opzione Windows updates. Il programma di installazione del livello di personalizzazione utente disattiva gli aggiornamenti di Windows nell’immagine. Lasciare disabilitati gli aggiornamenti.

L’immagine è pronta per essere caricata in Studio.

Passaggio 3: Creare un catalogo macchine

In Studio, attenersi alla procedura per creare un catalogo di macchine. Utilizzare le seguenti opzioni durante la creazione del catalogo:

  1. Selezionare Operating System (Sistema operativo) e impostarlo su Single session OS (Sistema operativo a sessione singola).

  2. Selezionare Machine Management (Gestione macchine) e impostarlo su Machines that are power managed (Macchine con alimentazione gestita). Ad esempio, macchine virtuali o PC blade.

  3. Selezionare Desktop Experience (Esperienza desktop) e impostarla sul tipo di catalogo in pool casuale o in pool statico, come negli esempi seguenti:

    • In pool casuale:

      In pool casuale

    • In pool statico: se si seleziona l’esperienza in pool statico, configurare i desktop in modo da eliminare tutte le modifiche e cancellare i desktop virtuali quando l’utente si scollega, come mostrato nello screenshot seguente:

      In pool statico

    Nota:

    Il livello di personalizzazione utente non supporta i cataloghi in pool statico configurati per utilizzare Citrix Personal vDisk o assegnati come macchine virtuali dedicate.

  4. Se si utilizza MCS, selezionare Immagine master e l’istantanea per l’immagine creata nella sezione precedente.

  5. Configurare le rimanenti proprietà del catalogo in base alle esigenze dell’ambiente.

Passaggio 4: Creare un gruppo di consegna

Creare e configurare un gruppo di consegna, comprendente i computer del catalogo macchine creato. Per ulteriori informazioni, vedere la Creare gruppi di consegna.

Passaggio 5: Creare criteri personalizzati per i gruppi di consegna

Per abilitare il montaggio dei livelli utente all’interno di Virtual Delivery Agent, utilizzare i parametri di configurazione per specificare:

  • In quale posizione sulla rete accedere ai livelli utente.
  • Fino a che dimensione consentire ai dischi del livello utente di ingrandirsi.

Definire i parametri come criteri Citrix personalizzati in Studio e assegnarli al gruppo di consegna.

  1. In Studio selezionare Policies (Criteri) nel riquadro di spostamento:

    Selezionare Policies in Studio

  2. Selezionare Create Policy (Crea criterio) nel riquadro Actions (Azioni). Viene visualizzata la finestra Create Policy.

  3. Digitare “user layer” (livello utente) nel campo di ricerca. Nell’elenco dei criteri disponibili vengono visualizzati i due criteri seguenti:
    • User Layer Repository Path (Percorso del repository del livello utente)
    • User Layer Size GB (Dimensione livello utente GB)

      Nota:

      L’aumento delle dimensioni influisce sui nuovi livelli utente ed espande i livelli utente esistenti. La riduzione delle dimensioni influisce solo sui nuovi livelli utente. I livelli utente esistenti non diminuiscono mai di dimensioni.

  4. Fare clic su Select accanto a User Layer Repository Path. Viene visualizzata la finestra Edit Setting.

    User layer repository path (Percorso repository livello utente)

  5. Immettere un percorso nel campo Value e fare clic su OK:

    • Formato percorso: \\server-name-or-address\share-name\folder
    • Esempio di percorso: \\Server\Share\UPLUsers
    • Esempio di percorsi risultanti: per un utente chiamato Alex in CoolCompanyDomain, il percorso sarebbe: \\Server\Share\UPLUsers\Users\CoolCompanyDomain_Alex\A_OK

    Percorso repository

    È possibile personalizzare il percorso utilizzando le variabili %USERNAME% e %USERDOMAIN% e anche le variabili di ambiente macchina. Quando sono espanse, queste variabili danno luogo a percorsi espliciti.

    • Formato percorso: \\Server-name-or-address\share-name\folder-with-environment-variables
    • Esempio di percorso: \\Server\Share\UPLUserLayers\%USERNAME%\%USERDOMAIN%
    • Esempio di percorsi risultanti: per un utente chiamato Alex in CoolCompanyDomain, il percorso sarebbe: \\Server\Share\UPLUserLayers\Alex\CoolCompanyDomain\A_OK

    Percorso del repository con variabili di ambiente

  6. Facoltativo: fare clic su Select accanto a User Layer Size in GB (Dimensione livello utente in GB):

    User layer repository path (Percorso repository livello utente)

    Viene visualizzata la finestra Edit Settingsi.

  7. Facoltativo: modificare il valore predefinito di 10 GB alla dimensione massima che ogni livello utente può raggiungere. Fare clic su OK.

  8. Fare clic su Next per configurare utenti e macchine. Fare clic sul collegamento Assign (Assegna) accanto a Delivery Group evidenziato in questa immagine:

    User layer repository path (Percorso repository livello utente)

  9. Nel menu Delivery Group, selezionare il gruppo di consegna creato nella sezione precedente. Fare clic su OK.

    Selezionare il gruppo di consegna

  10. Immettere un nome per il criterio. Fare clic sulla casella di controllo per attivare il criterio e quindi fare clic su Finish.

    Nome criterio livello utente

Configurare le impostazioni di protezione nella cartella del livello utente

In qualità di amministratore di dominio, è possibile specificare più di una posizione di archiviazione per i livelli utente. Creare una sottocartella \Users per ciascun percorso di archiviazione (inclusa la posizione predefinita). Proteggere ogni posizione utilizzando le seguenti impostazioni.

Nome impostazione Valore Si applica a
Proprietario autore Modifica Solo sottocartelle e file
Diritti del proprietario Modifica Solo sottocartelle e file
Utenti o gruppo: Crea cartella/Aggiunta dati; Visita cartella/Esegui file; Elenca cartella/Leggi dati; Leggi attributi Solo cartella selezionata
Sistema Controllo completo Cartella selezionata, sottocartelle e file relativi
Amministratori di dominio e gruppo di amministrazione selezionato Controllo completo Cartella selezionata, sottocartelle e file relativi

Messaggi del livello utente

Quando un utente non è in grado di accedere al livello utente, riceve uno di questi messaggi di notifica.

  • Livello utente in uso

    We were unable to attach your user layer because it is in use. Any changes you make to application settings or data will not be saved. Be sure to save any work to a shared network location.<!--NeedCopy-->

  • Livello utente non disponibile

    We were unable to attach your user layer. Any changes you make to application settings or data will not be saved. Be sure to save any work to a shared network location.<!--NeedCopy-->

  • Il sistema non ripristinato dopo lo scollegamento dell’utente

    This system was not shut down properly. Please log off immediately and contact your system administrator.<!--NeedCopy-->

File di registro da utilizzare per la risoluzione dei problemi

Il file di registro ulayersvc.log contiene l’output del software del livello di personalizzazione utente in cui vengono registrate le modifiche.

C:\ProgramData\Unidesk\Logs\ulayersvc.log
<!--NeedCopy-->

Limitazioni

Tenere presenti le seguenti limitazioni durante l’installazione e l’utilizzo della funzionalità di livello di personalizzazione utente.

  • Non tentare di distribuire il software del livello di personalizzazione utente su un livello all’interno di App Layering. Distribuire i livelli di personalizzazione degli utenti in Citrix Virtual Apps and Desktops oppure abilitare i livelli utente in un modello di immagine App Layering, non entrambe le cose. Entrambi i processi producono i livelli utente necessari.

  • Non configurare la funzionalità di livello di personalizzazione utente con i cataloghi di computer persistenti.

  • Non utilizzare gli host di sessione.

  • Non aggiornare il catalogo macchine con un’immagine che esegue una nuova installazione del sistema operativo (anche la stessa versione di Windows 10). La procedura consigliata consiste nell’applicare aggiornamenti al sistema operativo all’interno della stessa immagine master utilizzata durante la creazione del catalogo macchine.

  • Non utilizzare driver di avvio, né altre personalizzazioni di avvio anticipato.

  • Non eseguire la migrazione dei dati PvD alla funzionalità del livello di personalizzazione utente.

  • Non eseguire la migrazione dei livelli utente esistenti dal prodotto App Layering completo alla funzionalità del livello di personalizzazione utente.

  • Non modificare il percorso SMB del livello utente per accedere ai livelli utente creati utilizzando un’immagine del sistema operativo master diversa.

  • Quando un utente si disconnette da una sessione e quindi effettua nuovamente l’accesso, la nuova sessione viene eseguita su un computer diverso all’interno del pool. In un ambiente VDI, Microsoft Software Center vede un’applicazione come Installed nel primo computer, ma Unavailable (Non disponibile) sul secondo computer.

    Per scoprire lo stato effettivo dell’applicazione, istruire l’utente a selezionare l’applicazione nel Software Center e fare clic su Install. SCCM aggiorna quindi lo stato al valore effettivo.

  • Software Center si arresta occasionalmente immediatamente dopo l’avvio all’interno di un VDA con la funzionalità di livello di personalizzazione utente abilitata. Per evitare questo problema, seguire i consigli di Microsoft per Implementare SCCM in un ambiente VDI XenDesktop. Assicurarsi inoltre che il servizio ccmexec sia in esecuzione prima di avviare Software Center.

  • Nei criteri di gruppo (impostazioni computer), le impostazioni dei livelli utente sostituiscono le impostazioni applicate all’immagine master. Pertanto, le modifiche apportate nelle impostazioni computer utilizzando un oggetto criteri di gruppo non sono sempre presenti per l’utente al successivo accesso alla sessione.

    Per risolvere questo problema, creare uno script di accesso utente che invia il comando:

    gpupdate /force

    Ad esempio, un cliente imposta il seguente comando per l’esecuzione ad ogni accesso utente:

    gpudate /Target:Computer /force

    Per ottenere risultati ottimali, applicare le modifiche delle impostazioni computer direttamente al livello utente, dopo che l’utente ha effettuato l’accesso.

Livello di personalizzazione utente